Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 

«Epidemia tatuaggi, cosa pensare? Per me è un ritorno alla barbarie»

Ci sono tendenze, nella moda e nella vita sociale, che durano lo spazio di un mattino e coinvolgono ristretti gruppi di persone, quasi elitariamente. Ma v’è una moda decisamente antiestetica e quasi orrida nelle sue esasperazioni, quella dei tatuaggi, che da tempo si sta diffondendo a macchia d’olio. La moda dei tatuaggi, dilagante sui corpi di tanti giovani di ogni età ed etnia, ritengo sia una vera e propria involuzione culturale che ci riporta alla barbarie. In essa si nasconde il rifiiuto della propria identità naturale per la ricerca di una lontana reminiscenza tribale. Se la storia dei tatuaggi è antichissima, nell’attuale tendenza io vedo la negazione della evoluzione della specie e il ritorno all’origine-scimmia. Un inconsapevole processo di involuzione. Con tanti saluti a Darwin.

EDGARDO GRILLO

Caro Edgardo, non sarei così drastico nel generalizzare. In ogni caso: il tatuaggio è definitivo, provoca dolore e presenta rischi sanitari. Perché farselo, allora? Qual è il suo significato? Impossibile semplificare, certo è che ormai è diventata una moda, figlia del culto del corpo tipico di questa epoca, che restituisce l’idea che tanti (non solo giovani) vivono il proprio corpo (anche) come elemento decorativo.

Le motivazioni possono essere tante: l’appartenenza a un gruppo, persino (raramente) sataniche, come mettono in guardia gli esorcisti, se la figura ha un significato diabolico.

San Paolo diceva che il corpo è tempio dello Spirito Santo (cfr. 1Corinzi 6,19) e che siamo membra di Cristo, fatti a sua immagine. In ogni caso esistono gradualità e significati diversi. Solo due consigli: pensarci bene e porsi la domanda: perché me lo faccio?


06 ottobre 2023

Discussione collegata
 
Pubblicità
Edicola San Paolo