Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 22 maggio 2024
 
Libri, il buono e il cattivo Aggiornamenti rss Paolo Perazzolo
Responsabile del desk Cultura e spettacoli

Eugenio Borgna: la verità non è fuori, ma dentro di noi

È una vita che Eugenio Borgna si affaccia sugli abissi dell'interiorità, di quella dimensione più nascosta e profonda di ogni persona nella quale è custodita la verità su noi stessi. Psichiatra di fama, Borgna, che oggi ha 84 anni, non ama atteggiarsi a guru, a "illuminato" capace di rivelare intuizioni fondamentali - come non disdegnano di fare molti suoi colleghi oggi in voga - perché gli è più consono il silenzio, l'ascolto, la relazione al di fuori dei palcoscenici.

Per chi ancora non lo conoscesse, è stato fra i primi, insieme a Basaglia,  a opporsi a una spiegazione puramente naturalistica delle "malattie dell'anima" e al ricorso all'elettroshock, battendo invece la strada - certo più difficile e impegnativa - dell'incontro con il paziente. La sua è una psichiatria gentile, dal volto umano. La lunga esperienza all'Ospedale maggiore di Novara, in particolare, lo ha portato a vedere nei malati sempre e comunque una persona , con la quale intessere pazientemente un dialogo, nel quale anche il cuore più malato può rivelare tesori di umanità. 

Non stupisce che molti dei suoi libri fin dal titolo chiamino in causa quelle che l'opinione corrente considera patologie - la follia, la schizofrenia, l'ansia, la malinconia - connotandole però in senso positivo: certo, il paziente va curato, senza dimenticare però che sono le persone più sensibili a essere più esposte alle tempeste della vita. E che difficilmente una persona sensibile e fragile si mostrerà violenta o aggressiva.

L'ultimo libro di Borgna si intitola Il tempo e la vita (Feltrinelli) ed è un affascinante viaggio nell'esperienza del tempo, alimentata tanto dall'esperienza terapeutica quanto da ricche e vaste citazioni letterarie (da Emily Dickinson a Rilke, da Leopardi a Proust, da Teresa d'Avila a Simone Weil...). È molto bello il passaggio autobiografico in cui Borgna ricorda quando, durante la guerra, con il padre partigiano a combattere sui monti, la famiglia fu costretta ad abbandonare la casa e a rifugiarsi in un luogo più sicuro: lì ebbe luogo l'intuizione del tempo nell'accezione agostiniana. Una cosa è il tempo degli orologi, ben altra quello interiore, quello soggettivo, che scandisce passato presente e futuro secondo logiche connesse alle emozioni, ai sentimenti, ai ricordi, alle speranze di ciascuno...

Per coltivare la speranza, senza la quale non si può vivere, bisogna instaurare un rapporto fecondo con il proprio passato: la memoria del futuro è condizione per una vita serena e felice. La noia si combatte con l'impegno, la partecipazione, il coinvolgimento in una comunità.  L'uomo d'oggi si lascia annichilire dal presente, interrompendo la ciclicità naturale del tempo. Poco aiutati dalla famiglia e dalla scuola, stregati della tecnologie, i giovani arrancano. 

Abbiamo bisogno, tutti, di più silenzio (al quale, non a caso, è dedicato il capitolo finale del libro), di rapporti autentici, di ascolto reciproco. Soprattutto, bisogna riscoprire il valore dell'interiorità, immergersi in essa: solo così eviteremo di perdere la parte migliore dell'esistenza.


29 gennaio 2015

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo