Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 

Figli di una sanità minore

Caro direttore, molti in Italia sono purtroppo figli di una sanità minore. Un italiano su sei è in gravi difficoltà, costretto, quando può, e non sempre può, a rinunciare al “soccorso” pubblico per quello privato o a evitare del tutto ogni cura. Il disagio economico era del 4,7% nel 2019, ora è passato al 6,1% e quattro milioni di italiani oggi rinunciano alle cure.

Gli ospedali sono intasati e troppo spesso risultano essere solo l’agghiacciante anticamera del fine vita, con ammalati parcheggiati per giorni su una barella (il cui etimo è il diminutivo di bara!) e in corridoi che risultano poi essere la loro defi nitiva sistemazione. I folli tagli economici che i nostri politici hanno operato in un settore così cruciale come la sanità hanno fatto fuggire all’estero, allettati da guadagni quanto meno più dignitosi, migliaia di operatori, tra medici, infermieri e ricercatori. La sanità italiana è così rimasta al palo. Pensi che per ottenere una semplice mammografi a una paziente deve attendere anni o mesi...

EDGARDO GRILLO

Caro Edgardo, la situazione che descrivi è molto veritiera. Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, in occasione della recente presentazione del 6° Rapporto sul Servizio Sanitario Nazionale ha denunciato che «i principi fondanti del SSN – universalità, uguaglianza, ed equità – sono stati traditi».

E questo soprattutto a discapito delle fasce socio-economiche meno abbienti, la cui quotidianità è caratterizzata da «interminabili tempi di attesa, affollamento ai pronto soccorso, impossibilità di trovare un medico o un pediatra di famiglia vicino casa, inaccettabili diseguaglianze regionali e locali sino alla migrazione sanitaria, aumento della spesa privata sino all’impoverimento delle famiglie e alla rinuncia alle cure».

Urge, a 45 anni dalla riforma del Ssn, una sua revisione che, fedele ai principi sopra richiamati, tenga conto non solo delle risorse, ma anche delle attuali fragilità: «Eccesso di prestazioni da medicina difensiva e domanda inappropriata, conseguenze del sotto-utilizzo di prestazioni efficaci, frodi, acquisti a costi eccessivi, complessità amministrative, inadeguato coordinamento dell’assistenza, in particolare tra ospedale e territorio». Buon lavoro a chi tocca.


07 marzo 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo