logo san paolo
giovedì 27 gennaio 2022
 

Gli Usa e la Russia litigano per suor Mariam

Suor Agnes Mariam.
Suor Agnes Mariam.

Può sembrare incredibile ma al centro del dibattito tra Usa e Russia sulla siria c'è (anche) la figura di suor Agnes Mariam, 61 anni, superiora del monastero melchita cattolico di San Giacomo il Mutilato, nella Siria centrale. Suor Agnes Mariam, infatti, si è esposta pubblicamente per sostenere che i video con le vittime dei gas di Assad, diffusi dalle Tv americane su sollecitazione della Casa Bianca, sono dei falsi, strumenti di pura propaganda girati dai ribelli anti-Assad per fornire una scusa all'intervento militare.

Il fatto che si tratti di una religiosa, per di più cattolica, a prendere una simile posizione ha ovviamente fatto scalpore. Al punto che il ministro degli Esteri della Russia, Lavrov, non ha esitato a citarne la testimonianza persino durante i colloqui diplomatici con la controparte americana. Altrettanto ovviamente, tutto il fronte ostile ad Assad non ha esitato nel cercare di screditarla, trattandola da complice del regime.

Da questo punto di vista, suor Agnes Mariam ha punti deboli e punti forti. Libanese di origine, in passato ha criticato aspramente il regime di Damasco per l'occupazione del Libano. E altrettanto ha fatto quando gli elicotteri dell'aviazione militare di Assad hanno colpito nei pressi del suo monastero. D'altro canto, la religiosa non ha prodotto alcuna prova concreta su cui basare la convinzione che i video delle vittime dei gas sono dei falsi ben confezionati.

Resta, inalterata, la sua figura controversa. Orfana di padre all'età di 15 anni, Marie Fadia Laham (questo il suo nome per il mondo) attraversò un periodo di sbandamento che per anni la fece vivere da hippy tra India e Tibet. Tornata in Libano, entrò in convento, divenne suora e fu poi trasferita in Siria. Da dove, come sappiamo, non si è più mossa.

 

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

24 settembre 2013

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo