logo san paolo
sabato 23 ottobre 2021
 

Hamas e Gaza, sempre più ai margini

Un palestinese al lavoro in uno dei tunnel che collegano Gaza all'Egitto (Reuters).
Un palestinese al lavoro in uno dei tunnel che collegano Gaza all'Egitto (Reuters).

Le notizie che arrivano da Gaza parlano chiaro: il 95% dei tunnel che collegano la Striscia all'Egitto, e che alimentavano un florido commercio illegale (oltre, naturalmente, il traffico d'armi) sono stati distrutti o resi impraticabili dalle truppe egiziane. L'economia di Gaza e dei suoi 1,7 milioni di abitanti, come le casse di Hamas che da quel commercio ricavava buoni introiti sotto forma di "tasse", subisce così l'ennesimo duro colpo.

L'aspetto finanziario, però, è solo la manifestazione più concreta del disagio del regime di Hamas, che in poche settimane ha visto capovolgersi una situazione che pareva a lui favorevole. In Egitto, il Governo dei Fratelli Musulmani, ideologicamente molto affine a Hamas, è stato rovesciato dalle proteste di piazza e dall'intervento dei militari. Anzi: pare che nelle scorse settimane i generali del Cairo abbiamo addirittura minacciato un intervento militare a Gaza, accusando Hamas di fomentare e sostenere gli attacchi della guerriglia del Sinai.

Un altro Governo "amico" era quello della Tunisia, sostenuto dal partito islamista Hennahdha. Anche questo, però, sta per lasciare l'incarico. E lo fa in modo pacifico, d'accordo con le opposizioni, disponendosi ad affrontare elezioni che non gli saranno favorevoli come le precedenti, e intanto combattendo l'estremismo islamico che spara sugli esponenti deic partiti laici.

Terzo capitolo, forse il più importante: Hamas ha perso anche il favore dell'Iran, che lo ha sempre aiutato con denaro e armi. Il nuovo corso del presidente Rohani, impegnato a riallacciare i rapporti con l'Occidente, ha la sua importanza. Ma ancora più conta il fatto che Hamas, per la Siria, si è schierato con la guerriglia sunnita proprio nel momento in cui l'alleanza con il dittatore Assad è diventata preziosa per la residua influenza politica iraniana.

In poche parole: Hamas è rimasto solo. E ancor più soli sono i palestinesi che Hamas governa.

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

14 ottobre 2013

Discussione collegata
I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%