logo san paolo
mercoledì 29 giugno 2022
 

Ho baciato quella foto di Aylan

Caro don Antonio, ho seguito con apprensione e, da subito, questo esodo epocale e il prezzo di vite umane che esso comporta. Ma per salvaguardare il mio equilibrio psichico, mi sono riˆutata di guardare le immagini che la Tv ha trasmesso del piccolo Aylan, pensando che potesse destabilizzare la mia fede. Le sofferenze che patiscono i bambini, di qualsiasi genere, mi sono intollerabili, incrinano la mia ˆfiducia negli uomini. Quando ho ricevuto l’ultimo numero di Famiglia Cristiana, ho visto quello che non avrei voluto vedere: il piccolo corpicino di Aylan riconsegnato dal mare e riverso sulla spiaggia. Sono scoppiata in un pianto liberatorio, così ho sfogato il mio immenso dolore. Poi, ho baciato quella foto, chiedendo perdono ad Aylan a nome del mondo intero! Perdono e attimi inˆfiniti di silenzio. Quando il mio sguardo è caduto su una frase del suo editoriale: «Non basta commuoversi, bisogna muoversi», mi è sembrato che la comunità abbia compreso, assieme a tutta la gente di buona volontà che si sta impegnando su questo fronte. Infine, il Papa ci ha ricordato che ognuno di noi è «il custode del proprio fratello», chiedendo alle parrocchie, e non solo, di aprirsi all’ospitalità. Da parte mia, ho esortato il mio parroco ad avere più coraggio in un momento così drammatico. Sono tanti i bimbi che su quei barconi hanno fatto il loro ultimo viaggio!
SARA - Ancona

Quella foto di Aylan riverso sulla spiaggia di Bodrum, dopo il fallito tentativo di raggiungere l’isola greca di Kos, ha davvero scosso tante coscienze. Ne è prova anche il tuo pianto liberatorio, cara Sara, accompagnato da una richiesta di perdono. Qualcuno ha criticato la scelta di mettere quel bimbo in copertina, ma non avremmo potuto fare diversamente. Girando lo sguardo altrove, come spesso avviene in tante tragedie, ci saremmo sentiti anche noi colpevoli. Avremmo fatto parte di quella “globalizzazione dell’indifferenza”, più volte denunciata da papa Francesco. “Aylan è nostro ˆfiglio”, abbiamo scritto in modo provocatorio, a sottolineare che il suo dramma ci coinvolge e ci sprona a fare qualcosa.


16 settembre 2015

I vostri commenti
11

Stai visualizzando  dei 11 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo