Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 

«Ho paura che alla fine non sarò salvato»

Caro don Antonio, sono un giovane che conduce una vita seria e virtuosa, ma ho paura alla fine della vita di non essere salvato. Per questo da un decennio faccio parecchie pratiche di pietà, per tentare di cambiare questo mio pensiero; anche cinque ore al giorno di pratiche devozionali. Che cosa mi consiglia di fare per capire e cosa fare per correggermi?

STEFANO

Caro Stefano, fai bene a condurre una vita seria e virtuosa e a dedicare spazio e tempo alla preghiera. E non devi avere alcuna paura riguardo alla salvezza. Ce lo ricorda san Paolo scrivendo ai Romani: «Voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto lo Spirito che rende figli adottivi, per mezzo del quale gridiamo: “Abbà! Padre!”» (8,15). Dio non è un giudice pronto a condannarci a ogni minimo sbaglio, o un padrone inflessibile, ma un padre misericordioso. Di lui possiamo darci nella massima serenità. Anzi, afdandoci a lui con semplicità, possiamo comprendere quello che è giusto fare e anche come pregare.

Lo spiega Gesù nel Vangelo: «Pregando, non sprecate parole come i pagani: essi credono di venire ascoltati a forza di parole. Non siate dunque come loro, perché il Padre vostro sa di quali cose avete bisogno prima ancora che gliele chiediate». Gesù anzi consiglia questo: «Quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà» (Matteo 6,6-8). La preghiera è un dialogo con il Padre, che avviene prima di tutto nel segreto del nostro cuore. Le pratiche devozionali possono essere utili, ma ciò che conta è questa relazione diretta con il Padre, cuore a cuore, con fiducia e semplicità.


29 marzo 2019

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo