logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 

I 18 comandamenti per l'iPhone della mamma

Janell Burley Hofmann con suo figlio Gregory.
Janell Burley Hofmann con suo figlio Gregory.

Un contratto per l’uso del cellulare? Non ci sarebbe nulla di strano se ad averlo stipulato non fosse stata una madre, nota blogger statunitense, con il figlio di 13 anni. Janell Burley Hofmann, collaboratrice dell’Huffington Post, ha fatto trovare al figlio Gregory sotto l’albero di Natale un prezioso cellulare corredato da 18 regole d’uso.
L’originale proposta, com’era prevedibile, ha scatenato in rete un vivace dibattito sull’età più opportuna per possedere un cellulare e sul tipo di accordo messo in atto dalla madre nei confronti del figlio.

Da un lato c’è da sottolineare lo sforzo positivo nel consegnare regole ben precise nell’utilizzo del dispositivo e nelle responsabilità che ne derivano.
Il fatto che siano codificate precisamente, scritte e sottoscritte aiuta ad avere un quadro di riferimento stabile al quale rifarsi ogniqualvolta possa sorgere un problema.
Se il preadolescente sta ancora esplorando l’ambiente intorno a sé in cerca di confini l’adulto lo può aiutare segnalando chiaramente dei limiti da non oltrepassare o sui quali, almeno, discutere. Come sottolinea Janell «molte delle regole elencate non si applicano solo al cellulare ma alla vita».

Mi permetto, però, di fare qualche rilievo sull’intera operazione.
Janell vive a Cape Code, nel Massachusetts, con il marito e altri quattro figli oltre a Greg. Perché l’altro genitore non ha stipulato il contratto ma viene solo nominato come riferimento in alcune regole?
E il resto della famiglia dov’è?
Gregory, nel patto, figura come figlio unico. È importante che in questo tipo di accordi il mondo adulto si dimostri compatto e solido, dando vita a quella potente risorsa che chiamiamo “alleanza educativa” e che il contesto di rifermento sia sempre comunitario, altrimenti il contratto rischia di legare un rapporto personale basato sul dare-avere. Perché consegnare ad un tredicenne, come primo smartphone, un iPhone, terminale di un certo valore commerciale che solitamente è utilizzato dal mondo adulto?

Non sarebbe stato più educativo partire da un apparato meno blasonato e performante anche per dare un’idea di progressione nell’accesso alla tecnologia e agli strumenti tipici del mondo adulto?

In ogni caso il tentativo è lodevole. Visto che nei dispositivi di ultima generazione non esiste più il libretto delle istruzioni ci auguriamo che qualcuno inizi a consegnare ai figli un foglietto con le istruzioni per l’uso consapevole e ragionato.


08 gennaio 2013

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo