Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

I pesci rossi e i soliti squali

La coperta è corta e come sempre si tende a tirarla dalla parte che non può sottrarsi allo strattonamento: nel caso si parla di un progetto allo studio per un prelievo temporaneo dalle pensioni a partire dai 2.000 euro lordi. Al pensionato, che verosimilmente è stato dipendente e non ha evaso un centesimo e che con 2.000 euro lordi mantiene se stesso, forse un coniuge e non meno probabilmente aiuta figli ultratrentenni precari, si chiede, in nome dell’equità, di pensare a chi sta peggio.

A fronte di quel sacrificio (possibile o reale che diventi) vorremmo chiedere noi – a nome del pensionato e nostro – al Governo un impegno certo: non dimentichi che l’Italia ha una copertona sommersa che nessuno tira. Quella della grande evasione (quella degli autonomi vale appena il 5% del totale) fatta soprattutto di economia criminale e di imprese e società che grazie a laschissime norme sul falso in bilancio compiono operazioni loschissime sottraendo al fisco miliardi in fondi neri. Si chieda, in tempi certi, anche a loro di fare la loro parte restituendo, davvero, con gli interessi il maltolto.

Giusto perché il pensionato non abbia la sensazione di riconoscere allo specchio il solito pesce piccolo e onesto che porta oltre alla propria sporta anche quella dei grossi disonesti che non la portano mai. Una questione di equità ma anche di educazione civica: a che nessuno sia tentato di concludere che l’onestà non paga.


13 marzo 2014

 
Pubblicità
Edicola San Paolo