logo san paolo
lunedì 27 settembre 2021
 
50 parole ebraiche usate da Gesù Aggiornamenti rss Gianfranco Ravasi
Cardinale arcivescovo e biblista

I TELI E IL SUDARIO TRA I SEGNI DELLA RISURREZIONE

"La deposizione nel sepolcro", Olio su tela di Pietro Antonio Magatti (1691-1767). Milano, Pinacoteca Ambrosiana.
"La deposizione nel sepolcro", Olio su tela di Pietro Antonio Magatti (1691-1767). Milano, Pinacoteca Ambrosiana.

"Simon Pietro entrò nel sepolcro
e osservò i teli posti là e il sudario
– che era stato sul capo [di Cristo] –
non posato là con i teli, ma avvolto
in un luogo a parte".
(Giovanni 20,6-7)

«Se Cristo non è risuscitato, vana è la nostra predicazione e vana è anche la nostra fede». Le parole di san Paolo (1Corinzi 15,14) esprimono la centralità della Pasqua nella fede cristiana. Lui stesso, però, si era accorto di quanto fosse per molti un enorme masso sulla strada della conversione al cristianesimo.

Ad Atene, al termine del suo discorso all’Aeropago, era stato sbeffeggiato proprio su questo: «Quando sentirono parlare di risurrezione dei morti, alcuni lo deridevano, altri dicevano: “Su questo ti sentiremo un’altra volta!”» (Atti 17,32).

Non possiamo affrontare ora il tema in modo sistematico, anche perché lo stesso Nuovo Testamento offre una complessa elaborazione dell’evento, che ha componenti storiche verificabili ma il cui nucleo centrale è trascendente, e quindi richiede un diverso e ulteriore percorso di conoscenza. Per questo i Vangeli non descrivono l’atto in sé della risurrezione, presente invece negli apocrifi e che diverrà una rappresentazione tipica nell’arte cristiana, ma solo a partire dai secoli XI-XII.

Nei racconti evangelici gli elementi evocati sono successivi a quell'atto e si concretizzano attorno a tre dati: la lastra sepolcrale rovesciata con la tomba vuota, i lini che avvolgevano la salma di Gesù abbandonati e la testimonianza delle donne. Un dato quest’ultimo significativo a livello storico: mai si sarebbero “inventate” come testimoni figure “incapaci” giuridicamente di attestare un evento in modo valido come le donne nel diritto ebraico. Riguardo alla seconda componente, quella dei teli, è significativa l’esperienza dell’apostolo Pietro, secondo il racconto del quarto Vangelo da noi citato.

Prima di tutto sono evocati gli othónia, cioè i teli, le lenzuola, in pratica la “sindone” nuova e ritualmente pura, di cui parlano Matteo (27,59), Marco (15,46) e Luca (23,53). Si fa cenno anche a un “sudario”, destinato a coprire il volto, menzionato solo da Giovanni e “avvolto” a parte (il verbo greco usato, entylissein, era invece applicato in Matteo 27,59 e in Luca 23,53 alla sindone che “avvolgeva” il cadavere di Gesù).

Si tratta, quindi, del segno di un abbandono da parte di una persona che si libera dei tessuti che la coprivano e che vengono poi abbandonati. Già nel IV secolo un Padre della Chiesa, Giovanni Crisostomo osservava: «Se uno avesse rimosso il corpo di Gesù, non l’avrebbe prima spogliato, né si sarebbe preso il disturbo di rimuovere e di arrotolare il sudario, lasciandolo poi in un luogo a parte». Pietro, dunque, nota all’interno di quel sepolcro una situazione strana, non riducibile a una sottrazione di cadavere.

Per questo l’evangelista – che introduce anche la sua testimonianza attraverso l’evocazione della presenza del «discepolo che Gesù amava» – alla fine ci dice che proprio quest’altro discepolo «vide e credette: non avevano infatti ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti» (20,8-9).


09 gennaio 2014

I vostri commenti
9
scrivi

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%