logo san paolo
mercoledì 20 ottobre 2021
 

II DOMENICA DOPO NATALE - 4 gennaio 2015

E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi abbiamo contemplato la sua gloria.
(Giovanni 1,1-18)


PERCHÉ NON SIA NATO INVANO
«Non si può parlare di Dio rimanendo uguali», osservava con acutezza Roberto Benigni poco prima di Natale, commentando in televisione i Dieci Comandamenti: «Gli idoli addormentano », aggiungeva, «mentre il Divino inquieta, ti chiede di cambiare, di rinnovarti sempre; Dio è un inno alla vita, vuole entrare non nella nostra mente, ma nei nostri cuori».
Quasi a volerci trattenere dal rischio di uscire troppo in fretta da questo orizzonte, la liturgia ci ripropone il brano evangelico che abbiamo ascoltato il giorno di Natale. È un invito a tenere fisso lo sguardo sul presepe per far nostro un annuncio che, passata la festa, non può essere destinato a finire in soffitta fino al prossimo anno, come capita ai vestiti della passata stagione. «Se Dio fosse nato anche mille volte a  Betlemme», avverte sant’Ambrogio, «ma non nascesse in te, allora, sarebbe nato invano». Sostiamo, quindi, ancora davanti alla Grotta per risentire rivolto a noi il gioioso messaggio degli angeli ai pastori; accogliamo l’annuncio evangelico della Sapienza eterna che si è fatta carne (cfr. Gv 1,14), cioè storia, tempo, luogo, persona. Sì, Lui si è fatto vicino, accanto, intimo, al punto di essere dentro di noi pur rimanendo Altro. A chi permette a Cristo di nascere in sé, a chi abbraccia la sua vita e la sua logica è dato il potere – sottolinea san Giovanni – di diventare figli di Dio (1,12).
Purtroppo, non possiamo ignorare troppo facilmente anche l’amara constatazione: «Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto» (Gv 1,11). Nonostante la decisione di Dio di camminare con noi, noi possiamo infatti decretarne l’esilio. Ci sono tanti modi per farlo, anche nella Chiesa: perché l’accoglienza è molto più di un vago sentimento di apertura al Signore; è fargli spazio anche se questo significa far arretrare certe nostre pretese; è fargli piantare la sua tenda in mezzo ai nostri progetti; è lasciarsi disturbare da una presenza che cambia radicalmente le cose. Diversamente, corriamo il rischio di rimanere a metà strada: non si è estranei al suo messaggio, ma non lo si prende nemmeno troppo sul serio, quasi fosse una proposta tra le altre.

NELLA QUOTIDIANITÀ
Quando, dunque, diventiamo davvero figli di Dio? Quali sono i segni di questa appartenenza? Come possiamo dire di aver accolto veramente Gesù in noi? Siamo chiamati ad andare oltre l’atteggiamento
dell’emozione e dello stupore per verificare nella quotidianità il grado di ospitalità effettivamente riservata a quel Bambino. La risposta può darla soltanto la nostra vita, nella misura in cui costruisce relazioni leali e vere, e genera – con parole responsabili e con gesti concreti – condizioni di riconciliazione e di pace, ridona speranza facendosi prossima alle condizioni dei fratelli, soprattutto dei più poveri. Allora, e soltanto allora, saremo uomini davvero.


02 gennaio 2015

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%