logo san paolo
sabato 23 ottobre 2021
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

Serve il Codice per le dita nella marmellata?

In un Paese in cui la politica accusa da anni la magistratura di volerla influenzare stiamo assistendo a un curioso paradosso.

Il Governo aspetta, neanche fosse l’oracolo di Delfi, una  carta processuale per decidere se il suo ministro della Giustizia sia ancora credibile in quel ruolo, dopo essere stata pizzicata a dire al telefono a una famiglia di persone appena arrestate: «Non è giusto». Un pezzo di Parlamento invoca il ricorso a una Corte purchessia (Europea, Costituzionale…), sperando di sentirsi dire che una legge che lo stesso pezzo di Parlamento ha contribuito a scrivere, votare e approvare non s’aveva da fare e salvare così il proprio leader – condannato con sentenza definitiva – dalla decadenza che quella legge prevede in caso di condanna passata in giudicato.

È vero che un Paese democratico per dirimere le sue controversie ha bisogno di un Codice penale e di un Codice civile, e di giudici che li applichino, ma a monte e a valle dei codici e delle leggi dovrebbero continuare a esistere criteri intermedi per giudicare (politicamente, moralmente, in base all’opportunità) i comportamenti.

Non occorre neanche scomodare Kant («Il cielo stellato sopra di me e la legge morale dentro di me»), basta un buon padre di famiglia che di certo non aspetta i Nas per decidere se sia il caso di spiegare al figlio bambino che non ci si serve della marmellata con le dita. 


19 novembre 2013

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%