Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
Libri, il buono e il cattivo Aggiornamenti rss Paolo Perazzolo
Responsabile del desk Cultura e spettacoli

Greg la schiappa e i suoi terribili fratelli

Il Diario di una schiappa di Jeff Kinney (il Castoro) torna in libreria (due milioni di copie vendute) e subito spopola in classifica. Che ne penso? Che se  lo merita. Insomma, è buono.

Mi è venuto in mente che Greg, il simpatico e monelloso protagonista, è fratello di una serie di personaggi che tutti abbiamo amato, da piccoli e anche da grandi. Tutti simpatici e monellosi come lui. Chi sono?

Pippi Calzelunghe, ad esempio, la ragazza-adulta dai capelli rossi  e dai poteri "magici". Sicuramente Gian Burrasca, che una ne pensa e cento ne fa. E Mafalda, non vi sembra sorella d'elezione del nostro Greg e dei suoi fratelli? E se lo è Mafalda, lo è anche la Bambina filosofica di Vanna Vinci. Non potrà essere fratello, per questioni di genere, ma l'irriverente Snoopy merita di entrare in questa stramba accolita.

Magari è un pochino meno famoso - ed è un vero peccato, da colmare vedendo il film uscito qualche mese fa - ma Titeuf si unisce del tutto legittamamente a Greg & soci, soprattutto per il modo con cui guarda al mondo adulto. L'ironia non fa difetto a Pico (e alla sorella e ai suoi amici), invenzione di Pico Bogue. E come non annoverare fra questi monelli che mettono in crisi gli adulti il Petit Nicolas?

Insomma, la nostra Greg-Schiappa non soffre di solitudine. Chissà quanti ne ho dimenticati: li volete ricordare voi? Tutti questi strampalati eroi hanno in comune l'ironia e l'umorismo, il modo disincantato di guardare la realtà, l'attitudine al ragionamento, la capacità di uscire dagli schemi, l'imprevedibilità, la simpatia... E - ci avete fatto caso? - sono nati quasi tutti in Francia... Per forza, sono i francesci ad aver fatto la Rivoluzione!


22 gennaio 2014

 
Pubblicità
Edicola San Paolo