logo san paolo
sabato 04 dicembre 2021
 

Il Medio Oriente cerca il suo Briatore

Una ragazza libanese (Reuters).
Una ragazza libanese (Reuters).

Chissà se anche in Medio Oriente conoscono il programma "The Apprentice", o la sua versione italiana condotta da Flavio Briatore. Comunque sia, hanno varato qualcosa di simile: un programma Tv, intitolato "Generazione Imprenditore" per stimolare i giovani a diventare padroni del proprio destino lavorativo. O almeno a provarci, tentando la strada dell'attività in proprio.

L'idea non è banale. Egitto, Tunisia e Libano hanno selezionato una serie di giovani con idee degne di diventare una start up, e li hanno messi al centro di un reality che è anche una gara: alla fine del programma, un giovane aspirante imprenditore egiziano, uno tunisino e uno libanese voleranno in Qatar dove sfideranno il "campione" locale per il titolo di "miglior giovane imprenditore" del Medio Oriente. coloro che non arriveranno alla finalissima saranno comunque aiutati a mettere in piedi un'attività e a ottenere crediti dalle banche.

Dentro l'idea del programma ci sono due constatazioni. La prima è che in Medio Oriente la televisione è ancora il mezzo di comunicazione e persuasione più potente. E' lei che può agire presso la grande massa di giovani non troppo politicizzati ma ugualmente preoccupati per il proprio futuro.

La seconda, è che gli Stati del Medio Oriente sono tutti (o quasi) troppo deboli per aiutare i giovani se i giovani non si aiutano anche da soli. In Tunisia la disoccupazione giovanile è al 42,5% e l'economia in crisi. In Egitto lo stesso dato è al 50% e della salute economica è meglio non parlare. Se la Tv spingerà qualche ragazzo con buone idee a darsi da fare, sarà meglio per tutti.



 

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

19 aprile 2014

 
Pubblicità
Edicola San Paolo