logo san paolo
venerdì 20 maggio 2022
 

Il modello "Così fan tutti"

Caro don Antonio, ma davvero possiamo dare la colpa della crisi solo a chi ci governa? Con la promessa di una rapida restituzione, ho prestato dei soldi a una mia amica che per spese folli e inutili si era indebitata. Dopo due anni non mi ha ancora restituito nulla. Motivo? Ha fatto altre spese folli e viaggi, fregandosene degli impegni. Un altro mio amico lavora in nero e sfrutta l’assegno di disoccupazione. La sua giustificazione? «Così fan tutti». I ragazzini in autobus si vantano di non pagare l’abbonamento ma si lamentano per l’inefficienza dei mezzi pubblici. Oppure la ragazza madre: sfrutta gli assegni del Comune e li spende per lampade solari e centri estetici. Potrei ancora continuare. Mio padre ha fatto crescere quattro figli, insegnandoci la sobrietà e il rispetto per il prossimo.

Lorenzo C. - Venezia

Nel rispetto delle piccole cose si vede l’onestà delle persone. C’è, oggi, una diffusa acquiescenza all’illegalità, giustificata dalla considerazione che «così fan tutti», e che se non ti adegui e non ne approfitti, sei solo uno stupido. I continui esempi di furti e appropriazioni indebite che, ogni giorno, vengono da chi ha ruoli istituzionali, non fanno che confermare questa mentalità. L’onestà bisogna assumerla già col latte materno e viverla in famiglia con orgoglio, perché vale più della furbizia. Tanto, prima o poi, le volpi finiscono in pellicceria.


01 agosto 2013

I vostri commenti
44

Stai visualizzando  dei 44 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo