logo san paolo
lunedì 17 gennaio 2022
 
Libri, il buono e il cattivo Aggiornamenti rss Paolo Perazzolo
Responsabile del desk Cultura e spettacoli

Il Nobel per la letteratura per l'infanzia? A Stian Hole

Un'illustrazione di "Il paradiso di Anna".
Un'illustrazione di "Il paradiso di Anna".

Genitori di tutto il mondo che siete a caccia di libri belli, intelligenti, stimolanti e toccanti da leggere o far leggere ai vostri figli... Ecco un autore che fa per voi: Stian Hole!

Chi è costui? Ha 44 anni e vive e lavora in Norvegia.

Che cosa ha scritto?  L'estate di Garmann, Il segreto di Garmann e Il paradiso di Anna, tutti pubblicati in Italia da Donzelli. Ebbene, per me merita il Nobel per la letteratura per l'infanzia... (Qualche premio, intanto, l'ha vinto: Bologna Ragazzi Award 2007, Prix Sorcières 2009, Best Children’s Book of the Year 2009...).

Perché esprimo un invito tanto impegnativo? Per due ragioni fondamentali. La prima è che sa affrontare i piccoli-grandi temi della vita con un meraviglioso misto di ironia, tenerezza e poesia. Nell'Estate di Garmann parla della crescita e delle paure (anche i grandi hanno le loro!). Nel Segreto di Garmann affiorano le questioni dell'amicizia e del primo amore, condite, sempre, dalla timidezza del protagonista... Nel commovente Il paradiso di Anna sussurra qualcosa addirittura sulla morte, Dio, quei «chiodi che fanno male» (testo raccomandato a chi deve gestire con un bambino un lutto grave).

La seconda ragione per cui lo reputo un genio riguarda la sua cifra stilistica,
che si esprime in un'affascinante e moderna capacità di mescolare fotografia, collage e disegno e sa conquistare tanto i ragazzi di oggi, avvezzi a videogiochi e cartoon, quanto gli adulti.

Buonissimo.


04 dicembre 2013

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo