logo san paolo
martedì 09 agosto 2022
 
Noi donne oggi Aggiornamenti rss Suor Eugenia Bonetti

Il Paese dei poteri prenda esempio dalla Chiesa

Da diversi mesi, sui mezzi di comunicazione nazionali si susseguono costantemente notizie di politica e di politici, di crisi economica e di Imu, di promesse e di ricatti… Informazioni che suscitano condanna o indignazione e, purtroppo, sempre più spesso, indifferenza. La lista dei problemi è lunga e riguarda non solo i politici con i loro ingenti guadagni e privilegi, a cui cercano di rimanere arroccati a qualsiasi costo. Riguarda soprattutto moltissime famiglie italiane in difficoltà a causa della perdita del lavoro o per la mancanza di opportunità specialmente per tanti giovani senza speranza e senza un futuro. E tocca drammaticamente specialmente le categorie di persone più vulnerabili, deboli e a rischio. Tutto questo crea un clima di tensione, sfiducia e stanchezza, talvolta di rabbia e di violenza, che si manifesta in modi diversi.
A ragione, la gente si domanda perché un semplice cittadino percepisce una pensione sociale di 500 euro al mese e deve vivere con meno di 20 euro al giorno, mentre la pensione base di qualsiasi deputato è di quasi 5 mila euro senza contare ulteriori benefici. Sempre loro, i nostri parlamentari, possono acquisire il diritto alla pensione dopo soli 35 mesi in Parlamento, mentre obbligano i cittadini a oltre 35 anni di contribuzione. Perché queste sproporzioni e ingiustizie?  È logico che i semplici cittadini chiedono più equità e parità di diritti e di doveri.

Ma come uscire da questa situazione di ricerca del potere a ogni costo, come se fosse una sorta di “accanimento terapeutico”, che tuttavia non fa bene a nessuno, né alle persone con responsabilità di leadership né tantomeno al Paese. Chi è chiamato alla guida della nazione dovrebbe sempre ricordare che l’autorità conferitagli dai cittadini non può fondarsi sull’arbitrio o sul privilegio, ma sul servizio. Purtroppo l’accanimento a cui assistiamo anche in queste settimane, con leader arroccati alle loro posizioni di potere, serve solo a prolungare l’agonia di questa nostra epoca decadente, che sarà giudicata - temo con molta durezza - dai posteri e dalla stessa storia.

Eppure non mancano esempi anche attuali di persone che hanno avuto il coraggio di andare contro corrente e prendere decisioni difficili ma provvidenziali. Basti pensare all’esempio e alla scelta di Papa Benedetto XVI con il suo grande gesto di rinuncia ha affidato la Chiesa a un nuovo timoniere, capace di continuare a servirla con energia, generosità e lungimiranza. Certo, tutto questo richiede grande umiltà e coraggio, ma anche grande senso di responsabilità. Lo stesso Papa Francesco, con il suo stile semplice e coraggioso, ricorda alla Chiesa e al mondo che l’autorità vera si manifesta nel servizio disinteressato e gratuito, specialmente verso le persone più emarginate e sole, bisognose di rispetto e di aiuto concreto e non di parole o di privilegi.

La Chiesa, del resto, ha previsto norme sagge per regolamentare i ruoli di responsabilità, che non devono mai considerarsi a “vita”, bensì legati a un servizio limitato a un periodo di tempo. I cardinali, ad esempio, dopo aver raggiunto l’età di ottant’anni non possono partecipare al Conclave per l’elezione del nuovo Papa; i vescovi, raggiunta l’età di settantacinque anni, devono presentare le loro dimissioni al Papa e la diocesi viene affidata a un nuovo pastore; i superiori generali di congregazioni maschili e femminili possono rimanere in carica non più di due mandati, affinché ci possa essere un rinnovamento negli stili di vita e di attualizzazione dei vari carismi di fondazione. La stessa Beata Madre Teresa di Calcutta aveva voluto e favorito l’elezione di una nuova Madre generale alla guida dell’Istituto da lei stessa fondato e guidato per molti anni. Un esempio santo, certo, ma che potrebbe saggiamente ispirare anche molti nostri leader attuali...


13 agosto 2013

I vostri commenti
8

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo