logo san paolo
martedì 28 giugno 2022
 

Il Papa: aprirò il Giubileo in Africa

Il Papa all'Angelus (Reuters).
Il Papa all'Angelus (Reuters).

Il pensiero è al Centrafrica e al Giubileo della Misericordia che papa Francesco vorrebbe aprire il 29 novembre proprio in quel Paese africano ("Ho in animo di aprire la Porta santa della cattedrale di Bangui, durante il Viaggio apostolico che spero di poter realizzare in quella Nazione... per manifestare la vicinanza orante di tutta la Chiesa a questa Nazione così afflitta e tormentata ed esortare tutti i centroafricani ad essere sempre più testimoni di misericordia e di riconciliazione"). Un viaggio che il Pontefice, appunto, spera di realizzare: gli ultimi violenti episodi mettono infatti in dubbio la parte del viaggio del papa prevista nella Repubblica Centrafricana il 29 e 30 novembre.

Nel viaggio africano, che il Papa comincerà il 25  andando prima in Kenya e poi in Uganda prima di arrivare in Centrafrica, papa Francesco vorrebbe essere vicino a quanti stanno soffrendo in questo momento. Una situazione, che come ha detto lo stesso Pontefice, si è particolarmente inasprita.

Il Papa fa «appello alla parti coinvolte affinché si ponga fine a questo ciclo di violenze» e si dice «spiritualmente vicino ai Padri comboniani della parrocchia Nostra Signora di Fatima in Bangui, che accolgono numerosi sfollati. Esprimo la mia solidarietà alla Chiesa, alle altre confessioni religiose e all’intera nazione Centrafricana, così duramente provate mentre compiono ogni sforzo per superare le divisioni e riprendere il cammino della pace». E poi conclude: «Per manifestare la vicinanza orante di tutta la Chiesa a questa Nazione così afflitta e tormentata ed esortare tutti i centroafricani ad essere sempre più testimoni di misericordia e di riconciliazione, domenica 29 novembre ho in animo di aprire la porta santa della cattedrale di Bangui».

E prima di recitare l'Angelus della domenica di tutti i Santi, il Papa aveva ricordato anche l'impegno di tutti noi in virtù del battesimo che ci dà la «vocazione alla santità», i santi quotidiani, quelli «della porta accanto».

Il Papa esclama: «Quanta gente buona abbiamo conosciuto nella vita e conosciamo! Questi sono i santi della porta accanto, non canonizzati, ma che vivono con noi. Imitare i loro gesti d’amore e di misericordia è un po’ come perpetuare la loro presenza in questo mondo. E in effetti quei gesti evangelici sono gli unici che resistono alla distruzione della morte: un atto di tenerezza, un aiuto generoso, un tempo passato ad ascoltare, una visita, una parola buona, un sorriso... Ai nostri occhi questi gesti possono sembrare insignificanti, ma agli occhi di Dio sono eterni, perché l’amore e la compassione sono più forti della morte».   


01 novembre 2015

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo