logo san paolo
giovedì 02 febbraio 2023
 

Il Papa invita Peres e Abu Mazen e spiazza tutti

Il Papa in meditazione al muro che divide Israele dai territori palestinesi (Reuters).
Il Papa in meditazione al muro che divide Israele dai territori palestinesi (Reuters).

Anche a volerla spogliare dei suoi significati spirituali, ovviamente fondamentali, la chiamata che papa Francesco ha rivolto al presidente palestinese Abu Mazen e a quello israeliano Shimon Peres, invitandoli a raggiungerlo in Vaticano a pregare per la pace, è come minimo una straordinaria intuizione diplomatica.

Durante il viaggio in Terra Santa, il Pontefice è stata estremamente chiaro nella parte "politica" dei suoi discorsi: due Stati, diritto per Israele a vivere  in pace in confini internazionalmente riconosciuti, diritto dei palestinesi ad avere una patria. Ha aggiunto, qua e là, sfumature tutt'altro che secondarie: ai giovani palestinesi dei campi profughi ha detto di non lasciarsi imprigionare dai raccori del passato, invitandoli quindi a costruire un futuro originale, proprio, non a rivivere in eterno il dolore degli antenati. E agli isreliani ha ricordato che la pace armata è un miraggio irraggiungibile, una fuga in avanti.

Quello che nessuno poteva prevedere è che papa Francesco chiamasse i protagonisti a incontrarsi e a guardarsi negli occhi, come solo le persone che pregano insieme possono fare. Se anche volessero, Peres e Abu Mazen difficilmente potranno rifiutare un simile "invito". Ancor più difficilmente potranno accettarlo e uscirne con nulla di fatto.

Ma c'è un altro aspetto da tenere in considerazione. La chiamata a pregare insieme (non a trattare o, peggio, a contrattare) è destinata ad avere un forte impatto sugli animi perennemente esacerbati del Medio Oriente. E' un appello disinteressato (cosa che quella regione non vede da molti molti anni) e nello stesso tempo stringente. Che arriva da un Papa che, in questo stesso viaggio, non ha nascosto i pericoli del fanatismo religioso e si è messo in gioco per primo volendo ribadire, tramite l'incontro con Bartolomeo, la necessità di una riconciliazione tra i cristiani stessi.

Chi osserva le vicende del Medio Oriente, e dei palestinesi e Israele in particolare, sa da tempo che la situazione poteva essere sbloccata solo da un cambio radicale di paradigma. Questo cambio forse è arrivato, grazie a un Papa che non teme di mescolarsi ai problemi della gente. Di tutte le genti.

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

25 maggio 2014

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo