Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 18 aprile 2024
 

In una famiglia nessuno deve sentirsi escluso, tutti sono di casa

Papa Francesco ha mostrato un particolare interesse per la famiglia sin dall’inizio del suo ponticato. E ne ha parlato tante volte, sottolineando l’importanza di prendersene cura con affetto. Sono convinto che il Papa guarda all’evoluzione della società con occhi attenti e insieme clementi, spingendo la Chiesa a interrogarsi, in modo nuovo e diverso, su tematiche complesse ma ineludibili, che riguardano la famiglia.
MARIO P. - Roma

Non ci sono dubbi che papa Francesco guardi con particolare attenzione alla famiglia. Altrimenti non avrebbe dedicato a essa due Sinodi, uno straordinario già celebrato l’anno scorso e l’altro che si terrà nel prossimo ottobre. Ha voluto, inoltre, che di famiglia non se ne parlasse in astratto, tra specialisti, spesso non coniugati, nel chiuso di quattro mura. Ma ha fatto precedere i due Sinodi da un questionario inviato a tutte le Chiese del mondo per poter avere la fotografia reale della famiglia, non solo quella ideale, con tutte le sue difficoltà ma anche bellezze e potenzialità.

Da parte sua, da gennaio di quest’anno, ha iniziato una catechesi sistematica sulla famiglia in vista dell’appuntamento di ottobre, che sarà preceduto dal Convegno internazionale sulla famiglia, che si terrà a Philadelphia con la sua presenza. Di recente, nel viaggio nei tre Paesi dell’America latina, in uno dei suoi discorsi, ha spiegato come essere famiglia, nel segno della gratuità, della solidarietà e della sussidiarietà. «La nostra società vince», ha detto, «quando ogni persona, ogni gruppo sociale, si sente veramente a casa. In una famiglia, i genitori, i nonni, i bambini sono di casa; nessuno è escluso. Se uno ha una difficoltà, anche grave, anche quando “se l’è cercata”, gli altri vengono in suo aiuto, lo sostengono; il suo dolore è di tutti».


23 luglio 2015

I vostri commenti
9

Stai visualizzando  dei 9 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo