Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 

Israele e i razzi di Gaza

Un miliziano della jihad islamica a Khan Younis, nella Striscia di Gaza (Reuters).
Un miliziano della jihad islamica a Khan Younis, nella Striscia di Gaza (Reuters).

Da più di dieci anni  sul confine tra Israele e la Striscia di Gaza va in scena un copione stantio eppure micidiale: i gruppi della jihad islamica approfittano di una scusa qualunque e cominciano a lanciare razzi contro le città di Israele (Ashdod, Eshkelon, Sderot...); a quel punto Israele fa alzare i suoi caccia e colpisce questo o quell'obiettivo nella Striscia, uccidendo un numero più o meno alto di guerriglieri palestinesi. La cosa si ripete due o tre volte, finché la situazione si calma. Aspettando la prossima volta.

E' quanto è successo qualche giorno fa: gli israeliani hanno fatto un'operazione di routine sul confine della Striscia (sradicano i cespugli perché non offrano protezione ad eventuali attentatori), tre militanti palestinesi hanno piazzato un mortaio, gli israeliani li hanno uccisi, i razzi sono partiti (più di un centinaio), i caccia anche e così via.

Quando Sharon si ritirò da Gaza, la sua idea era che, senza più israeliani nella Striscia, Israele avrebbe potuto reagire a piacimento. In realtà così non è, perché Gaza è uno dei luoghi più densamente popolati al mondo e, se anche i miliziani della jihad non piazzassero le loro postazioni nei palazzi o dietro le scuole, i bombardieri israeliani non potrebbero scatenarsi senza fare un massacro di civili. Cosa che è puntualmente avvenuta nelle due occasioni in cui il copione è sfuggito di mano a questi pessimi sceneggiatori: nel 2008 e nel 2012, con due brevi ma crudelissime guerre.

Dopo ogni scontro tutti dicono di aver vinto, mentre in realtà tutti hanno perso. La situazione di Gaza è ovviamente un tormento per Israele e le sue città del Sud, ma è anche un'ottima scusa per mandare a monte tutti i negoziati con l'altra parte dei palestinesi, quelli della Cisgiordania. Come possiamo fidarci, dicono Netanyahu e i suoi; e se poi cominciassero a bombardarci anche da Betlemme (17 chilometri da Gerusalemme) o da Ramallah (venti chilometri?).

Naturalmente gli israeliani non ricordano che Israele è l'unico Stato al mondo a mantenere da quarant'anni un'occupazione militare di un territorio altrui, cosa che certo non invoglia i palestinesi a nutrire sentimenti di grande amicizia. Nella comune incapacità di non riconoscersi l'esclusiva della ragione e del merito, le due parti restano così: a detestarsi sempre e a spararsi ogni tanto.



 

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

15 marzo 2014

 
Pubblicità
Edicola San Paolo