Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 

La croce oggetto d’ornamento e di bellezza

La Belen che, l’altro giorno, portava un vistoso crocifisso nero, è la stessa che, qualche settimana fa, dal palco dell’Ariston mostrava al pubblico la famosa “farfallina”! Possibile che un gesto così irriverente non abbia fatto storcere il naso a qualche spettatore cattolico o presunto tale? Siamo così addormentati da non reagire più neanche quando viene offeso un simbolo della nostra religione? Se fosse successo con i musulmani, apriti cielo! I soliti benpensanti avrebbero gridato allo scandalo, alla guerra di religione. Nel nostro caso, invece, tutto normale. Come se non fosse successo nulla. Ci ridiamo e scherziamo su. Lo spettacolo va avanti. Purtroppo, sono i nostri valori che vanno indietro.

Andrea G.

Quanto ai valori, i passi indietro che stiamo facendo sono da gigante. Il degrado etico non risparmia niente e nessuno. La stessa religione viene spesso manipolata. Trasformata, talora, in oggetto d’ornamento e bellezza, come appunto il crocifisso al collo di attrici e modelle. Sarebbe meglio, invece, testimoniare con la vita quel che il crocifisso rappresenta. Cioè quell’amore universale che non esclude o discrimina nessuno. Anzi, dà la preferenza ai poveri e agli esclusi. E ci “comanda” di amare il prossimo come noi stessi, chiunque sia. Questo è quel che conta. Il resto è solo strumentalizzazione ed esibizionismo. A scapito dei simboli più significativi della nostra religione.


20 marzo 2012

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo