logo san paolo
lunedì 13 luglio 2020
 
Votantonio Aggiornamenti rss Francesco Anfossi - Votantonio

Se l'account falso è "Twitty", la moglie di Brunetta

Titti e Renato Brunetta
Titti e Renato Brunetta

Che la Rete sia piena zeppa di “trolls”, ovvero di disturbatori seriali che ammorbano i siti e i social di messaggi insultanti è noto. Chiunque abbia a che fare con i social networks lo sa bene, spesso a sue spese. Ma che a fare il disturbatore seriale ci si metta anche la signora Titti, moglie del capogruppo di Forza Italia Renato Brunetta, economista, ex ministro della Funzione Pubblica, inventore dei tornelli e aspirante fustigatore dei fannulloni e dei buontemponi statali,  indica a quale livello sia scesa la politica. Dopo 19 mesi di tweet, e dopo una querela per diffamazione, la famigerata Beatrice Di Maio (notare il cognome di copertura scelto), alias @BeatricedimaDi, la ragazza che appariva sul social network solo con un cartello #Iovotono e che pubblicava centinaia di tweet all’indirizzo del Governo Renzi e dei suoi ministri, altri non è che la moglie di Renato Brunetta, Beatrice detta Titti.

Ai tempi dell'affaire Guidi la signora Titti aveva perfino twittato una battuta pseudoironica: #intercettazioni, #Guidi: «Ho le foto di Delrio coi mafiosi», con sotto un combo di quattro foto: Delrio con Renzi e Maria Elena Boschi, Delrio con il premier, Delrio che abbraccia Lotti e Delrio che bacia la Boschi. La frase era stata giudicata offensiva da Lotti, che aveva fatto scattare la querela per diffamazione. La moglie di Brunetta Titti (che ribattezzeremo "Twitty") smascherata, ha confessato: «Se Lotti si è sentito offeso, mi dispiace e me ne scuso».  Fin qui, tutto sommato, si tratta di folclore e di figuraccia dei coniugi Brunetta.

Ma il punto è un altro: quell’account falso era seguitissimo da tantissimi navigatori, soprattutto “grillini” che ne avevano fatto quasi un idolo e questo la dice lunga sui pericoli che si aggirano in Rete, il reame dei creduloni, dove chiunque potrebbe vestire i panni di un troll, insultare chi vuole a fini politici e inondare il cyberspazio di “post-verità” (come usa chiamare le bufale gradite alla gente dopo che il dizionario di Oxford l’ha definita parola dell’anno). Insomma, aggiornando Voltaire, twittate, twittate, qualche cosa resterà. E si sa che una menzogna a furia di ripeterla diventa una verità, come teorizzava Goebbels, che di queste cose se ne intendeva .Chi ci dice che non ci sia qualcuno che sta organizzando la cosa in modo “industriale” per influire sull’immaginario popolare, influenzare pesantemente la campagna politica o referendaria, orientare un partito o un movimento? "Twitty" Brunetta, al confronto, è una simpatica dilettante.


24 novembre 2016

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%