Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 18 aprile 2024
 

La famiglia, ammortizzatore di tutto

Vi sono riconoscente per l’editoriale dal titolo: “Il governo si sbilanci a favore della famiglia” (FC n. 43/2012). Sono padre di cinque figli e nonno di nove nipoti. Da anni sto conducendo, sui giornali e in radio, una battaglia a favore della famiglia. Che è sempre stata tenuta in scarsa considerazione da tutti i governi: politici e tecnici. Dimenticata ma anche sfruttata come migliore “ammortizzatore sociale”. Su un altro giornale leggo anche lo sconforto di un padre di otto figli per i perversi effetti della legge di stabilità sulla sua famiglia. Le tantissime lamentele sono arrivate anche a Mario Monti. Ora si parla di possibili cambi nella legge, ma a saldo invariato. Il presidente del Consiglio se vuole sanare i conti dello Stato tassi i mega redditi, non le famiglie. Ormai, siamo allo stremo. Introduca, piuttosto, il tanto invocato “quoziente familiare” o “fattore famiglia” a tutela delle famiglie numerose. Il Governo deve rendersi conto che la ripresa economica ci sarà solo se cresce la famiglia.

Bruno M. - Milano

Il Governo, a parole, ci crede. Tant’è vero che lo slogan con cui è stato promosso il Festival della famiglia, che si è tenuto la settimana scorsa a Riva del Garda, era proprio questo: “Se cresce la famiglia, cresce la società”. Purtroppo, sono i fatti che mancano. Anzi, al momento sembra che si vada in direzione opposta, con un aggravio delle condizioni familiari per via di tasse e costo della vita. A essere maggiormente penalizzate sono le famiglie numerose, a causa di una miopia politica di Stato e fisco. Badano solo al reddito e non distinguono mai la composizione del nucleo familiare. Sul tavolo ci sono diverse proposte per una maggiore equità fiscale, a cominciare da quelle del Forum delle famiglie. Manca solo il coraggio di metterle in atto.


08 novembre 2012

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo