logo san paolo
venerdì 27 maggio 2022
 

La guerra dei poveri non serve a nessuno

Il buonismo dei vescovi e dei giornali cattolici è sempre più insopportabile. Gli zingari che non sono cittadini italiani e i musulmani dovrebbero tutti essere espulsi immediatamente! Per capire quanto sia dannosa l’immigrazione selvaggia vi consiglio di guardare qualche trasmissione televisiva, dove i rom occupano un capannone industriale, dicono un sacco di bugie, insultano gli italiani e aggrediscono i giornalisti. Perché voi cercate sempre di giustificare e minimizzare i loro reati, che spesso restano impuniti? Tanti italiani sono esasperati perché vedono che lo Stato e i giudici usano due pesi e due misure: infatti, gli immigrati clandestini e gli abusivi sono trattati meglio dei nostri connazionali. Ci sono famiglie italiane che hanno perso lavoro e casa e vivono nelle tende o nelle roulotte, mentre gli immigrati alloggiano in residence di lusso a spese dei contribuenti. Le sembra giusto? Un clandestino costa più di mille euro al mese mentre un italiano invalido al 75 per cento percepisce una pensione di 289 euro al mese!

Caro Eugenio, chi delinque, chiunque esso sia, va perseguito. Quindi, nessun “buonismo” per ladri o assassini. Ma problemi seri come l’accoglienza e l’integrazione dei rom non si risolvono con slogan o guardando programmi televisivi fatti apposta per eccitare gli animi e speculare sul malessere della gente. Questa è pessima informazione.


03 settembre 2015

I vostri commenti
31

Stai visualizzando  dei 31 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo