logo san paolo
martedì 28 giugno 2022
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

La lezione di civiltà degli arbitri ragazzini

«A te papà, grazie, perché domenica oltre a sopportare freddo, vento e i soliti insulti rivolti a me, ma che offendono anche chi accompagna noi arbitri, hai sopportato tanta rabbia per quello che è successo e, soprattutto perché, bloccato da una recinzione, non hai potuto fermare la mano di chi mi colpiva. Grazie, perché solo quando sei entrato tu nello spogliatoio, pochi minuti dopo l'aggressione, con il tuo abbraccio mi sono sentito al sicuro. A te mamma, grazie, perché nonostante quella sola volta che sei venuta a vedermi arbitrare, dopo solo mezz'ora, ti sei allontanata non potendo sopportare i toni e le contestazioni che mi venivano rivolti e, nonostante ieri lavavi la mia divisa sporca di sangue con gli occhi lucidi di pianto, mi hai sempre incoraggiato e sostenuto con il tuo sorriso.

«Ai vertici e componenti A.I.A. e F.I.G.C. nazionali e regionali, grazie, perché con l’attenzione che avete dedicato al mio caso e all’impegno che state assumendo perché situazioni del genere non possano più accadere, avete dato un senso positivo a quanto mi è successo.

«Ai colleghi arbitri di tutta Italia dalla Serie A ai Giovanissimi, grazie, perché, con le vostre telefonate e i vostri messaggi di affetto, mi avete fatto capire quanto è grande questa mia seconda famiglia e che un arbitro, in qualsiasi posto d’Italia si trovi e in qualsiasi situazione, non è mai solo.

«Al presidente Paolo Prato, agli osservatori e a tutti i colleghi della sezione di Lecce, grazie, perché sin da subito vi siete stretti a me ed alla mia famiglia, incoraggiandoci e aiutandoci a superare il momento. Grazie perché martedì, alla riunione OTS, con la vostra accoglienza e le vostre parole di stima e affetto, mi avete fatto sentire fiero di essere un arbitro e di avere persone come voi sempre accanto, sentimento rafforzato ancor più dopo aver letto il vostro articolo “FORZA LUIGI”.

Grazie di cuore a tutti»

Luigi Rosato

E' il testo della lettera aperta che Luigi Rosato arbitro di calcio diciassettenne ha scritto dopo essere stato aggredito in campo e inseguito negli spogliatoi da un gruppo di tifosi, lo scorso 26 ottobre. Qualche giorno fa un altro arbitro ragazzino è stato schiaffeggiato dal padre di uno dei giocatori in campo. Il figlio, in lacrime, si è scusato pubblicamente per il gesto del genitore. L'arbitro aggredito, da parte sua, fa sapere di voler tornare subito ad arbitrare.

Diffondere la lezione di civiltà di questi ragazzi è il minimo che possa fare un blog che ha per sottotitolo: «Diario di un Paese difficile da arbitrare».
Dovendo ahinoi sottolineare che non sempre gli adulti si mostrano all'altezza di recepirla.



05 novembre 2014

Discussione collegata
 
Pubblicità
Edicola San Paolo