Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
Votantonio Aggiornamenti rss Francesco Anfossi - Votantonio

Se Matteo Salvini usa la mascherina come il cappello

A Ballarò Matteo Salvini per motivare gli assembramenti delle manifestazioni del Centrodestra pone una questione di galateo: "Posso togliermi la mascherina mentre parlo con una signora?" (foto Ansa: il Leader della Lega con la mascherina)
A Ballarò Matteo Salvini per motivare gli assembramenti delle manifestazioni del Centrodestra pone una questione di galateo: "Posso togliermi la mascherina mentre parlo con una signora?" (foto Ansa: il Leader della Lega con la mascherina)

A Ballarò Matteo Salvini per motivare gli assembramenti delle manifestazioni del Centrodestra e tutti gli annessi abbracci e coccole varie, senza il rispetto del distanziamento, pone una questione di galateo: "Posso togliermi la mascherina mentre parlo con una signora?" No senatore Salvini, apprezziamo l'intento, ma non si può fare. Non si porta la mascherina come il cappello. Perchè la mascherina serve a evitare l'eventualità che la signora si possa infettare o che lei possa subire la stessa sorte. Le mascherine servono a questo, a proteggere e a proteggersi, non a nascondere il volto come al Carnevale di Venezia. Nei giorni del Covid (che ancora non sono finiti) tenere su la (fastidiosissima e antiestetica) mascherina anche quando si parla è in fondo anche una questione di galateo.

Non si tratta nemmeno di rispetto della legge, come gli fa ossevare Floris, ma di qualcosa di più eticamente consapevole, chiamiamolo empatico, se vogliamo: proteggere gli altri e sè stessi. Sono certo che Donna Letizia e Lina Sotis sarebbero d'accordo con questa tesi. E sì: ancora per un po' bisognerà tenere le distanze e farsi vedere a volto coperto come un rapinatore, ma e non è maleducazione, è amore, in fondo.


10 giugno 2020

 
Pubblicità
Edicola San Paolo