logo san paolo
sabato 21 maggio 2022
 

La profezia di Papa Wojtyla

Giovanni Paolo II diceva: «L’umanità è a un bivio: o il Terzo millennio sarà spirituale o non ci sarà futuro per l’umanità». Mai come oggi è autentica questa profezia. Senza Dio l’uomo muore nelle sue relazioni e nei suoi affetti, si rinchiude in sé stesso, sentendo la vita come un non-senso. Se non percepisce il suo essere figlio di un Dio padre, come può vedere gli altri come fratelli, appartenenti a un’unica famiglia umana? Molti, e a ragione, si attivano per difendere e salvare gli animali dai maltrattamenti. Ma perché non ci occupiamo anche di salvare i figli dell’uomo? No, quelli possono essere uccisi o abortiti tranquillamente. Nessuno scende in piazza per denunciare questi omicidi, che stiamo pagando sulla nostra pelle. Gli europei iniziano a non avere futuro: non c’è un sufficiente ricambio generazionale. Ma ora arriva un’altra soluzione ai nostri problemi e ce l’offre un’associazione olandese per il diritto a morire. È una pillola che viene data gratuitamente a tutti i cittadini che abbiano compiuto i settant’anni. Si ritira in farmacia, ci si dovrà assicurare che non venga usata per il suicidio o per l’omicidio, ma solo per procurarsi la “buona morte”! Che altro c’è da aggiungere? Forse, con una battuta amara, direi che l’Olanda ha finalmente risolto il problema delle pensioni!

FLORA B. - Brescia

Voler estromettere Dio dalla sfera pubblica non rende la società certamente migliore. Anzi, ne mette in evidenza gli aspetti deteriori, che si manifestano nelle lotte e guerre fratricide, gli uni contro gli altri. Se si perde Dio, si smarrisce anche il senso dell’umano, che ci rende una sola famiglia, tutti uguali e con gli stessi diritti e doveri, solidali in un’equa condivisione dei beni della terra, che appartengono a tutti. Una società “liquida”, senza valori, rischia d’essere una moderna “Torre di Babele”.


09 marzo 2016

I vostri commenti
26

Stai visualizzando  dei 26 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo