Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

La Repubblica dei maneggioni

Una professionalità sui generis viene avvistata dalle cronache quotidiane con frequenza imbarazzante attorno alle stanze del potere: trattasi del “faccendiere”, inteso nell’accezione contemporanea di «Intrigante. Mediatore di affari per lo più poco onesti, o addirittura illeciti». Solo negli ultimi 3-4 anni il Corriere della sera ha citato quel genere di mediatore, che in tempi meno politicamente corretti si sarebbe detto un parente più raffinato ed efficace del “maneggione”, 100-150 volte l’anno, che è come dire quantomeno una volta ogni tre giorni. 

Pare che i suoi requisiti fondamentali siano la tessitura di relazioni, tra il lusco e il brusco, sul confine tra politica, affari e malaffare, e l’attitudine a oliare ingranaggi, avendo cura di sporcarsi il meno possibile le mani di grasso, nell’atto di lasciar scivolare fettine di lardo nelle tasche giuste, comprese le proprie. A giudicare da quanto se ne parla e da quanto gonfia le tasche del potere (ovviamente - non sia mai – all’insaputa del medesimo) si direbbe l’unico mestiere che non conosca crisi nella Repubblica fondata sul lavoro.

Ps. Non solo il faccendiere lavora tanto, ma dà un sacco di lavoro soprattutto ai magistrati mentre attorno tutti gli altri, curiosamente, cascano dalle nuvole scivolando sulla buccia di banana lungo i viali di una Tangentopoli senza fine. <


12 maggio 2014

 
Pubblicità
Edicola San Paolo