Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
Lo sport... in Famiglia Aggiornamenti rss Carlo Nesti
Giornalista e scrittore

La sottovalutazione del vivaio italiano

Nella sessione del mercato del calcio, i 2/3 degli acquisti sono rappresentati da stranieri, a dimostrazione del fatto che l’”orso calcio” perde il pelo, e cioè i soldi, ma non il vizio.
Fino agli ultimi Mondiali, erano appena 4 i giocatori delle ultime Nazionali Under 21 sbarcati nella Nazionale A: Perin, Verratti, Insegne e Immobile.
Un passo avanti è stato compiuto con la riforma della Figc del 20 novembre, che riduce a 25 giocatori le rose di Serie A, con 8 posti a disposizione dei giovani.

Purtroppo, non si trova l’accordo sul nuovo campionato riserve, perché la Lega Pro teme di essere danneggiata, in termini di visibilità e di interesse. In sostanza, si procede troppo lentamente, a passo di lumaca, mentre gli altri paesi hanno già un consistente vantaggio.
Sarà anche vero che certi stranieri costano meno, ma il caso dell’Inter, che cede i Bonazzoli e i Duncan, prodotti del vivaio, dopo avere ceduto tutti i mini-campioni, allevati da Stramaccioni, è veramente emblematico.


04 febbraio 2015

 
Pubblicità
Edicola San Paolo