Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 luglio 2024
 
Votantonio Aggiornamenti rss Francesco Anfossi - Votantonio

La voglia di Tv delle Cinque Stelle cadenti

Per i Cinque stelle la Tv è come l'oggetto del desiderio. Nel gregge dei deputati di Grillo & Casaleggio, confinato nella Rete, ogni tanto alza la testa qualche deputato per metterla nel teleschermo. A quel punto scatta l'implacabile censura dal quartier generale di Sant'Ilario, dove ha dimora l'ex cabarettista, che potrebbe portare fino alla berlina digitale e all'espulsione solenne. L'ultimo in ordine di tempo è stato Walter Rizzetto, 38enne friulano, colpito dal blog di Grillo per essersi mostrato davanti a una telecamera. Ma anche il 37enne calabrese Barbanti e il 38enne veronese Turco hanno osato sfidare il Drago e sono apparsi in Tv. Tutto sommato il teleschermo, nonostante le manfrine delle magnifiche sorti e progressive della rete, resta un formidabile strumento di comunicazione e ha ancora "la forza di un leon" come diceva Iannacci.

Il problema è che tra i grillini serpeggia il malcontento. Le elezioni regionali emiliane e calabresi hanno confermato che la spinta propulsiva del Movimento si è spenta, molti voti sono confluiti nell'astensione o nella Lega e il leader non riesce più a intercettare il malcontento degli italiani. Dicono che sia "stanco" - anche di divorarei suoi figli -  e che rimpiange i tempi felici delle sue tournée di cabarettista. Forse, nella rincorsa a Salvini, ha cucito addosso al M ovimento un vestito che non era suo: tra i Cinque Stelle ci sono milioni di giovani e meno giovani che abbracciano la causa dell'ambiente, della legalità, del buon governo e dell'opposizione (costruttiva), ma non hanno niente a che fare con i rigurgiti xenofobi e antieuropeisti imposti dal duo Casaleggio&Grillo. Sono tanti gli attivisti che vengono dalle file del volontariato e del terzo Settore: perché mai dovrebbero imitare i leghisti? Se ne dovrebbe parlare all'assemblea degli eletti di Parma il 7 dicembre, proprio a casa di Pizzarotti, il sindaco Cinque Stelle ribelle. Ma il blog del gran visir sta già lanciando i suoi strali per scoraggiare le adesioni.



27 novembre 2014

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo