Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 23 maggio 2024
 
Lo sport... in Famiglia Aggiornamenti rss Carlo Nesti
Giornalista e scrittore

L’esempio di Gattuso ai politici italiani

Gennaro Gattuso era approdato all’OFI Creta, come allenatore, nella speranza di guidare una squadra “normale”. Al contrario, si è trovato al cospetto di una disorganizzazione assoluta, che lo ha costretto anche a svolgere supplenze come dirigente, con il mancato versamento dello stipendio ai giocatori.

Dopo essersi già dimesso a ottobre, lo ha fatto, definitivamente, a dicembre, ma anche adesso, che non c’entrerebbe più nulla con la società, ha compiuto uno splendido atto di generosità. Ha provveduto a pagare di tasca propria gli emolumenti dei giocatori, per un totale di 50 mila euro. Al di là dell’episodio, vorrei rimanessero impresse 2 cose: “dimissioni” e “di tasca propria”.

Domanda: nella politica italiana, e anche altrove, quante persone sono disposte a dimettersi, oppure a rimetterci dei soldi, quando qualcosa, di cui si ha una anche solo parziale responsabilità, non funziona?
Ecco: credo che la risposta se la possano dare da soli i lettori.


12 gennaio 2015

 
Pubblicità
Edicola San Paolo