logo san paolo
giovedì 30 giugno 2022
 

Libia, attenti alla tortura

L’acronimo è impronunciabile (Unsmil), in ogni caso significa United Nations Support Mission in Libya ed è, appunto, la missione di supporto delle Nazioni Unite alla nuova Libia del dopo-Gheddafi per la promozione dei diritti umani.

Purtroppo, la missione fa anche scoperte poco piacevoli. Per esempio, che dal 2011 (cacciata di Gheddafi) a oggi almeno 27 persone sono morte in carcere in conseguenza di maltrattamenti e percosse, in sostanza torture. Di queste, 11 nel solo periodo gennaio-giugno 2013. Ma non basta. Nelle carceri libiche sono tuttora detenute, in relazione con i fatti del 2011, almeno 8 mila persone, per la gran parte carcerate senza aver ancora avuto un regolare processo.

Il Rapporto Onu sottolinea che la tortura è abbondantemente praticata e che per i malcapitati il momento più pericoloso è quello dell’arresto, quando le violenze sono più frequenti. Ecco un Paese in cui, una volta arrivati in cella, si può quasi tirare un sospiro di sollievo.  

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

02 ottobre 2013

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo