Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 

Libia, senza petrolio Paese a pezzi

La raffineria di Zawia, a 55 chilometri da Tripoli (Reuters).
La raffineria di Zawia, a 55 chilometri da Tripoli (Reuters).

Su Libia e petrolio, ecco due dati da ricordare: 96% e 98%. Il primo si riferisce alla quota del bilancio pubblico occupata dal petrolio, la seconda alle entrate in valuta estera generate dal petrolio. Per dirla in breve: senza petrolio la Libia non esiste. E ci stiamo andando vicino: negli anni Sessanta il Paese produceva 3 milioni di barili al giorno; ai tempi di Gheddafi, 1 milione e mezzo; oggi, siamo ridotti a 250 mila barili. Un disastro economico e politico perché, appunto, senza petrolio la Libia non esiste e ormai tutti sono costretti a confrontarsi con la possibile disgregazione del Paese.

Come già per l'Afghanistan e per l'Iraq, vincere anche in Libia una guerra in condizioni di enorme superiorità militare non è stato un problema, per la Nato e gli Usa. I guai arrivano però subito dopo. Nell'ex regno di Gheddafi il punto sono le milizie. Si calcola che si tratti di 200-250 mila uomini in armi che dopo il conflitto sono stati inseriti, come premio, nei ranghi dell'esercito e della polizia. 

Non solo vanno mantenuti con i 4 miliardi di dollari che il petrolio procura ogni mese e che dovrebbero servire a far rinascere il Paese. Vanno anche tenuti buoni. Perché i loro capi sono incapaci di trovare un accordo tra loro e, soprattutto, sono abbastanza furbi da aver capito al volo che la garanzia migliore per il futuro è mettere direttamente le mani sul petrolio. O sulle strutture che ne consentono l'esportazione, per il 70% indirizzata verso l'Europa.

Così alcuni gruppi di miliziani hanno preso il controllo dei porti di Sidra e Ra's Lanuf, che da soli gestiscono il 60% delle esportazioni libiche di petrolio. Altri hanno fatto lo stesso con il porto di Tobruk. Nella Cirenaica, nota per le sue riserve petrolifere, i capi delle milizie locali hanno dato vita a una Commissione per il petrolio non autorizzata dal Governo centrale e da esso del tutto autonoma. E così via. Sempre all'insegna della vecchia triste realtà: sparare è abbastanza facile, pensare è abbastanza difficile.

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

11 febbraio 2014

 
Pubblicità
Edicola San Paolo