logo san paolo
sabato 22 gennaio 2022
 

Lo shopping e la Festa

La stampa ha messo in evidenza che il senatore Monti, subito dopo aver ricevuto l’incarico di formare il nuovo Governo, s’è recato a Messa. È stato un bell’esempio per molti cattolici, che non vanno in chiesa la domenica. Ora, però, il presidente del Consiglio fa un decreto che permette ai negozi di stare aperti tutti i giorni, anche quelli festivi. Se Monti ha avuto il tempo per andare a Messa la domenica, un dipendente di un negozio non potrà avere la stessa possibilità. Sarà difficile “santificare le feste”, come ci chiede il comandamento. Lei ha sempre preso posizione contro norme ingiuste. Forse, è il caso di farlo ancora contro questo decreto anticattolico. 

                                                                                                                                     B.V.

Finalmente, ho letto un commento sulla Più rispetto e riconoscenza per le “badanti” liberalizzazione degli orari dei negozi. Anche molti non cattolici sono rimasti sorpresi dal silenzio della Chiesa su un tema così importante. I lavoratori hanno diritto a celebrare la festa in famiglia. Sorprende che una legge così liberista sia stata voluta da un Governo con un presidente cattolico. Il provvedimento, oltre a non creare posti di lavoro, contribuirà invece a secolarizzare la società. Gli unici valori saranno profitto e individualismo. Auspico che la stampa cattolica rompa il silenzio. 

                                                                                                                           Un lettore

Non sono mancati gli interventi al riguardo. Né è la prima volta che si mette in discussione la domenica, come giorno del Signore e del riposo, da dedicare alla famiglia e a una sana cura dello spirito. Non tutto può essere finalizzato al fine economico, al profitto e ai soldi. Né si può accettare qualsiasi modo per raggiungere questo obiettivo. Un’economia senza etica, che non abbia al centro la dignità della persona, ci porta ai dissesti di cui stiamo pagando conto e conseguenze. La crescita economica deve andare di pari passo con lo sviluppo integrale della persona. Il tempo per la festa, da dedicare al Signore e alla famiglia, è indispensabile se vogliamo una società dal volto umano. Un altro mondo è possibile, se solo ci crediamo. Più equo e più giusto. Così come è possibile un’economia non solo di mercato, ma di comunione e condivisione. Dove le “buone azioni” hanno un doppio valore. In tutti i sensi.


13 gennaio 2012

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo