logo san paolo
lunedì 15 agosto 2022
 
Le regole del gioco Aggiornamenti rss Elisa Chiari
Giornalista

Lo Stato da che parte sta?

È troppo chiedere allo Stato italiano di mettersi d’accordo con sé stesso?

E’ troppo chiedergli che ci dica se sta con Maradona che dalla Tv di Stato fa il gesto dell’ombrello, in una vetrina a porta vuota, a Equitalia o con Equitalia che in nome dello Stato l’ha messo in mora per 39 milioni di euro. Se sta con il signore che partecipa al Governo della Repubblica italiana da condannato in Cassazione per frode fiscale, con la Corte d’Appello di Milano che in nome della Repubblica gli ha conteggiato in due anni l’interdizione dai pubblici uffici o, ancora, con chi, dal Parlamento, esprime solidarietà al condannato sottintendendo una critica ai suoi giudici.

Ci dica, per cortesia, lo Stato italiano, se sta con
chi scegliendo le regole ha pagato con la vita come Lea Garofalo e si gioca la libertà come sua figlia Denise o con chi sta in vetrina pur avendo fatto delle regole carta straccia, perché questa schizofrenia non è degna di un Paese civile. E noi, da cittadini di questo Paese, di grazia, vorremmo sapere, anche a nome di Lea e di Denise, da che parte stiamo quando scegliamo di stare con lo Stato.



21 ottobre 2013

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo