Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 

Ma i sacerdoti si preparano per le omelie?

Nella mia parrocchia sono cambiati i sacerdoti e purtroppo sento tanto la mancanza delle omelie/riflessioni di prima. Uscivo dalla Messa più ricaricato, migliorato. Ora la Messa è valida, ma quanta retorica nelle prediche (una vana e artificiosa ricerca dell’effetto con manifestazioni di ostentata adesione ai più banali luoghi comuni). Si è appena letto il Vangelo, e la predica è una ripetizione litanica delle stesse parole moltiplicate per 15-20 minuti senza sviluppare un concetto profondo e attuale. Ma i sacerdoti si preparano per le omelie?

Quando andavamo a scuola ci si preparava se avevamo l’interrogazione. Non avevo mi pensato così tanto a questa frase del papa emerito Benedetto XVI: «Ci sono ancora tanti cristiani che credono nonostante le prediche di certi sacerdoti». Papa Francesco parla molto chiaro e cala la Parola evangelica nella realtà/attualità della vita di oggi. I preti imparino da lui, si leggano bene i brani e poi parlino con il cuore in mano. Poi capisco che si debba cantare (magari nelle celebrazioni solenni), ma nelle Messe feriali 7-8 canti a squarciagola stonati sono troppi, non c’è ma un momento che uno possa dialoga-re in silenzio con il suo Signore. A volte capisco perché molti scelgono altre parrocchie, non la propria, per andare a Messa la domenica. LETTERA FIRMATA

La Messa è sempre il popolo di Dio che incontra e loda il suo Signore e ciascuno viene ricolmato di grazia. È vero, però, che la liturgia va preparata e vissuta bene, con sobrietà, lasciando i dovuti momenti di silenzio. Ed è anche importante che l’omelia sia ben preparata. Non è l’unico criterio per valutare se un prete è “bravo” oppure no, perché ci sono persone più o meno ca-paci di tenere un discorso ben fatto, efficace, ricco di contenuti e che non annoi.

Sono però d’accordo che si sente quando le parole vengono dal cuore. E perciò ha ragione papa Francesco quando scrive nell’esortazione Evangelii gaudium: «L’omelia è la pietra di paragone per valutare la vicinanza e la capacità d’incontro di un Pastore con il suo popolo. Di fatto, sappiamo che i fedeli le danno molta importanza; ed essi, come gli stessi ministri ordinati, molte volte soffrono, gli uni ad ascoltare e gli altri a predicare. È triste che sia così».

Ma poi aggiunge: «L’omelia può essere realmente un’intensa e felice esperienza dello Spirito, un confortante incontro con la Parola, una fonte costante di rinnovamento e di crescita». Noi preti dovremmo prendere sul serio quanto scrive il Papa, che nella stessa esortazione apostolica dedica ampio spazio all’omelia. E dovremmo anche prendere esempio da Francesco, che penso abbia scelto di celebrare pubblicamente la Messa feriale a Santa Marta proprio perché ogni pastore, ogni parroco, possa prendere spunto dal suo modo di interagire con i fedeli.


25 febbraio 2022

 
Pubblicità
Edicola San Paolo