Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 

Mio figlio vive la Cresima solo per i regali

Sono la mamma di un ragazzino di tredici anni, figlio unico di una coppia che affronta, come tutti, i problemi del vivere quotidiano. Il diciannove ottobre prossimo nostro figlio riceverà il sacramento della Cresima. Io non sto vivendo questo periodo con serenità, perché non vedo mio figlio attento ai valori cristiani, pur essendo un ragazzo educato. Il suo pensiero è ai regali e ai soldi che riceverà per la Cresima e a quello che potrà acquistare. Tutto ciò, forse, è anche colpa mia. Sono credente, ma l’educazione religiosa che gli impartisco non è né continua né gliela trasmetto attraverso la partecipazione alla Messa, la recita delle preghiere e un’attenzione alle parole del Papa e del Vangelo. D’altro canto, mio marito non vive la fede. E, soprattutto, non vuole avere rapporti con la Chiesa. Nostro figlio, con mio grande rammarico, segue le idee e i consigli del padre. E così prende con leggerezza il Sacramento. Mio marito tiene alla famiglia, ma il suo interesse principale è mirato ai soldi, anche se per sé stesso non desidera mai nulla. Cosa posso fare per mio figlio?
UNA MAMMA

Nella lettera di questa mamma c’è tutto: sia la diagnosi sia la cura. Nel denunciare il suo malessere personale e di famiglia, ci fa capire quali sono le cause e quali i rimedi. Un sacramento vissuto solo in funzione dei regali è il fallimento di una catechesi, che non ha altro obiettivo che la celebrazione, e non una formazione cristiana duratura. E chiama in causa anche i catechisti, di cui non si fa cenno nella lettera. I valori più che annunciati vanno testimoniati con la vita. Altrimenti, il giorno dopo la Cresima, quel ragazzo – come il padre – non vorrà più saperne della Chiesa.


02 ottobre 2014

I vostri commenti
24

Stai visualizzando  dei 24 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo