logo san paolo
lunedì 15 agosto 2022
 

Viaggiatore che passi a Baghdad...

Tra qualche giorno, insieme con i rappresentanti della Fondazione Giovanni Paolo II, dovrei partire per Baghdad. Laggiù, dopo un lavoro durato tre anni tra le immaginabili difficoltà, la Fondazione dovrebbe partecipare all'inaugurazione della Cittadella dei ragazzi che il Patriarcato latino, grazie alla collaborazione della Chiesa italiana, mette a disposizione dei giovani iracheni, cristiani e non.

Nel frattempo le notizie sono quel che sono: 200 civili uccisi nella sola giornata di ieri in tutto l'Iraq; 600 nel mese di novembre; 6.000 nel 2013, finora. siamo poco sotto i bilanci drammatici degli anni peggiori, quelli tra il 2005 e il 2007. Il premier sciita Nur al Maliki ha molto contribuito, con la propria cecità politica, ad accendere di nuovo la miccia: la sua politica palesemente ostile, se non discriminatoria, verso i sunniti si ritorce ora contro di lui e il suo Paese.

Ma c'è anche l'altro lato della medaglia: il terrorismo sunnita, con frange dichiaratamente affiliate ad Al Qaeda (o a ciò che ne ha preso il posto), in ogni caso largamente (quanto a mezzi) appoggiato dalle ricche monarchie del Golfo. In prima fila l'Arabia Saudita, che fu l'unico Paese insieme con il Pakistan a riconoscere ufficialmente il Governo dei talebani in Afghanistan.

La domanda è: perché non desta scandalo questa specifica violenza? Perché nessuno se ne preoccupa? Perché Usa e Francia volevano bombardare la Siria delle armi chimiche e osservano con indifferenza la strage, nei numeri assai più crudele delle stragi con le armi chimiche di Assad, che si perpetua in Iraq? Due settimane fa, l'ambasciata dell'Iran in Libano è stata colpita da un attentato di kamikaze. Quante articolesse dietrologiche avete letto? Quanti approfondimenti? Quali ricerche del mandante, che da qualche parte deve pur esserci? Fate il confronto con l'eco dell'assalto al consolato Usa di Tripoli (Libia) e sarà facile capire perché in Medio Oriente non caviamo un ragno dal buco: perché continuiamo a spacciare per principi (libertà, democrazia, pace...) quelli che sono solo concretissimi interessi di parte. Ovviamente non inganniamo più nessuno. Tranne noi stessi.   

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

30 novembre 2013

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo