Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 

Non solo cartellini: quei furbetti del biglietto sul treno

Egr. don Rizzolo, scrivo riguardo alle virtù civili, piuttosto neglette ma il cui esercizio è la forma più diretta di carità che il cristiano esercita nei confronti della comunità. Mia moglie e io viaggiamo spesso nei giorni festivi su Trenord e abbiamo constatato che al massimo un terzo del personale viaggiante percorre il treno per il controllo dei biglietti, scende alle stazioni per verificare che non ci siano persone in difficoltà o si ricorda di aprire le toilette per chi ne avesse bisogno. Ieri sera, poi, abbiamo assistito a una discussione tra un addetto al controllo e un ragazzo italiano beccato senza biglietto. Lo sconcertante è stato che questi, oltre a non pagare, si rifiutava di dare le generalità, concedendo solo (bontà sua) di scendere alla fermata successiva. In un successivo colloquio col controllore ci è stato spiegato come l’Amministrazione veda con fastidio quelli che come lui e pochi altri creano contrasti ai furbetti. Il motivo è semplice: si creano contenziosi e si devono pagare gli avvocati.

MARCELLO MUZZI

Caro Marcello, di sicuro l’amministrazione ferroviaria farà tesoro delle tue osservazioni per migliorare il servizio. La tua lettera, però, ci invita a riscoprire alcune virtù civili, ma anche cristiane: il rispetto delle regole e soprattutto degli altri, l’importanza di compiere con amore, o almeno con correttezza, il proprio lavoro, il dovere di pagare il biglietto. Purtroppo non bastano le pur necessarie sanzioni: è una questione di educazione, che parte dalla famiglia e riguarda la scuola e coloro che per primi dovrebbero dare il buon esempio: politici, amministratori, personaggi famosi. A me, poi, i “furbetti” danno solo fastidio. E si dovrebbero chiamare, piuttosto, ladri e approfi€ttatori.


04 maggio 2017

I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo