Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
Family Game Aggiornamenti rss Giuseppe Romano
Esperto di videogame

Non sottovalutate GTA 5

È il gran giorno di GTA5, ovvero Grand Theft Auto, il gioco di Rockstar Games più famigerato del panorama. La storia del delinquente che si fa strada a suon di atti criminali, da interpretare in prima persona. Rigorosamente sconsigliato ai meno che diciottenni. Costato 265 milioni di dollari, come un blockbuster cinematografico, come nessun videogioco mai.

Non è la prima volta che parlo di GTA. E non sarà nemmeno l’ultima che traccio un distinguo per scongiurare “facili” moralismi. È lecito sentirsi infastiditi o anche più da un gioco che non esita a mostrare (e a far fare) azioni ripugnanti. Certo. Non è però così facile buttarlo a mare liquidandolo tra le fesserie.

Genitori ed educatori faranno bene a far rispettare il consiglio sull’età. Sappiano frattanto che il gioco è affascinante, e non per caso.
Le caratteristiche “drammaturgiche” dei videogame, qui, vengono utilizzate al meglio: impersonare qualcun altro, calarsi in un ruolo, è un atto umanamente pieno di dignità e di gioia. Quale che sia il ruolo, ciò comporta un distacco critico che in arti di antica tradizione, come il teatro ma anche il cinema, non lascia posto a dubbi: nessuno critica l’attore che ha interpretato splendidamente il ruolo del “cattivo”.

Questo è il “meccanismo culturale” che giustifica, narrativamente, anche un gioco come GTA. Che a ciò aggiunge risorse e fattura da mille e una notte. Quindi, tutt’altro che una fesseria. Restano due fatti. Il primo: un bambino o un ragazzino non ha, semplicemente, le risorse culturali per mantenere quel distacco critico nel “farsi un altro” che invece in un adulto è auspicabile ci sia. Il secondo: se poi a un adulto non piace – come pure è molto possibile, perché davvero non c’è risparmio di contenuti sgradevoli – addossarsi il ruolo del delinquente per gioco, libero di non comprare GTA e di sconsigliarlo. Ma non di sottovalutarlo.


17 settembre 2013

I vostri commenti
57

Stai visualizzando  dei 57 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo