Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
TELE... COMANDO Aggiornamenti rss Marco Deriu
Giornalista e docente di Teoria e tecnica dei media all'Università Cattolica

Nonna Rai, 60 anni e un pizzico di nostalgia

Il tradizionale "monoscopio" della Radiotelevisione Italiana
Il tradizionale "monoscopio" della Radiotelevisione Italiana

Oggi la Rai compie 60 anni: il 3 gennaio 1954 cominciarono le trasmissioni televisive “ufficiali” della Radiotelevisione Italiana. In quel tempo nel nostro Paese esistevano ancora pochi televisori, concentrati in larga parte a Milano e Torino, e il prezzo di un apparecchio era esorbitante: dalle 160mila lire al milione e 300mila lire, in un Italia in cui il reddito medio pro-capite era di circa 258mila lire. Dopo soli 5 anni da quel “battesimo” la tv italiana poteva contare su oltre 20 milioni di spettatori, tra abitazioni private (circa un milione di apparecchi) e locali pubblici.

La Rai degli esordi era una tv davvero “pubblica”, che faceva della cultura, dell’educazione e dell’informazione i punti cardine della sua offerta. Ai ragazzi era rivolto un progetto pedagogico di largo respiro, che si articolava quotidianamente e settimanalmente in programmi su misura per loro, mentre agli adulti venivano proposte trasmissioni che servivano (anche) a imparare la lingua italiana, la storia, la geografia e la cultura nazionale.

In questi sessant’anni la nostra televisione di Stato, partita come grande Maestra, è diventata progressivamente una grande mamma, poi una grande sorella e oggi una grande amica che comincia a sentirsi nonnaIl rapporto con lo spettatore è cambiato e non sono 6 decenni ma anni luce a segnare l'enorme distanza fra la televisione di allora e quella di oggi, che ha rinunciato a contenuti alti o eccessivamente impegnativi nel segno dell’intrattenimento perenne e della sempre più serrata (rin)corsa all’audience.

Nell’anniversario del 60°, più che le tradizionali felicitazioni per il traguardo raggiunto possiamo esprimere  la nostalgia per un’offerta che – pur con tutti i suoli limiti – era di qualità.
Cosa ci aspettiamo
 dalla "nostra" tv pubblica per i prossimi 60 anni ?


03 gennaio 2014

 
Pubblicità
Edicola San Paolo