logo san paolo
sabato 11 luglio 2020
 

La benedizione ad una defunta non credente

Vorrei condividere un fatto che mi ha lasciato perplessa. È morta di cancro una povera donna, che ha tanto lavorato, amato e soprattutto sofferto, nata e vissuta in Albania al tempo del regime comunista. Non era battezzata. Facendo visita alla defunta, ho colto nei parenti, gente molto semplice, il desiderio di poter avere almeno una benedizione della salma, prima della tumulazione. Ho telefonato a un sacerdote che si è reso disponibile e l’ha fatto. Ma, poi, qualcuno “molto credente” ha avuto da ridire, perché al massimo si poteva dire una preghiera! Mi domando: si benedicono gli animali, le macchine e altri oggetti e non si può dare una benedizione a una persona, che è sempre e comunque  figlia di Dio? Non si tratta di sminuire il sacro, ma di concretizzare il Vangelo nella sua dimensione di amore, perdono e misericordia.

A.G.

Si sono appena chiuse le Porte Sante del Giubileo della misericordia, ma siamo stati invitati a tenere aperte le porte del cuore all’accoglienza dei poveri e degli ultimi, senza distinzione di credo religioso. I farisei o i legulei, gli osservanti scrupolosi delle regole, esistono ancora oggi e vorrebbero porre limiti e condizioni a Dio stesso, ignorando che il «Signore è misericordioso e compassionevole, lento all’ira e grande nell’amore e nella fedeltà», come leggiamo nel libro dell’Esodo. Gesù è venuto per rivelarci pienamente questo volto di Dio che a tanti, ancora oggi, fa scandalo. Se non comprendiamo che il Vangelo è la buona notizia della misericordia siamo distanti dal volere del Signore. Gesù non ci chiede di sradicare la zizzania, anche se minaccia il buon grano, ma di attendere la mietitura e il giudizio alla fine dei tempi. Chi siamo noi, cosiddetti presunti giusti, per stabilire i confini della misericordia di Dio? L’onnipotenza divina si manifesta non nel giudizio e nella condanna, ma nel perdono del peccatore.


16 dicembre 2016

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%