logo san paolo
lunedì 10 agosto 2020
 

Dio è vicino all'umanità

Il Papa ringrazia, il giorno dopo il suo ottantesimo compleanno, per gli auguri e chiede di pregare ancora per lui nei prossimi giorni, facendo silenzio e cercando dentro se stessi il senso del Natale.

Nella quarta domenica di Avvento, l'ultima prima della nascita di Gesù, Francesco ricorda le due figure importanti di questa domenica: Maria, che disse il suo sì affidandosi pienamente a Dio e Giuseppe che, non spiegandosi la natura della gravidanza di Maria si fida di quanto l'angelo gli suggerisce. «Il Figlio di Dio "viene" nel suo seno per diventare uomo e Lei lo accoglie. Così, in modo unico, Dio si è avvicinato all’essere umano prendendo la carne da una donna. Anche a noi, in modo diverso, Dio si avvicina con la sua grazia per entrare nella nostra vita e offrirci in dono il suo Figlio». «E noi», chiede il Papa,  «che cosa facciamo? Lo accogliamo oppure lo rifiutiamo? Come Maria, offrendo liberamente sé stessa al Signore della storia, gli ha permesso di cambiare il destino dell’umanità, così anche noi, accogliendo Gesù e cercando di seguirlo ogni giorno, possiamo cooperare al suo disegno di salvezza su noi stessi e sul mondo. Maria ci appare dunque come modello a cui guardare e sostegno su cui contare nella nostra ricerca di Dio e nel nostro impegno per costruire la civiltà dell’amore».

Ma l’altro protagonista Giuseppe. A lui Dio si fa vicino «con un suo messaggero ed egli viene illuminato sulla natura di quella maternità: "Il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo". Così, di fronte all’evento straordinario, che certamente suscita nel suo cuore tanti interrogativi, si fida totalmente di Dio e, seguendo il suo invito, non ripudia la sua promessa sposa ma la prende con sé. Accogliendo Maria, Giuseppe accoglie consapevolmente e con amore Colui che in lei è stato concepito per opera mirabile di Dio, a cui nulla è impossibile. Giuseppe, uomo umile e giusto (cfr v. 19), ci insegna a fidarci sempre di Dio, a lasciarci guidare da Lui con volontaria obbedienza».

Maria e Giuseppe, insieme,  «ci introducono», conclude Francesco, «nel mistero del Natale. Maria ci aiuta a metterci in atteggiamento di disponibilità per accogliere il Figlio di Dio nella nostra vita concreta, nella nostra carne. Giuseppe ci sprona a cercare sempre la volontà di Dio e a seguirla con piena fiducia. "Ecco la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele, che significa Dio-con-noi". Questo annuncio di speranza, che si compie a Natale, porti a compimento l’attesa di Dio anche in ciascuno di noi, in tutta la Chiesa, e in tanti piccoli che il mondo disprezza, ma che Dio ama».


18 dicembre 2016

 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%