logo san paolo
martedì 03 agosto 2021
 

Obama in Siria: che la guerra (civile) continui

Barack Obama.
Barack Obama.

I fan dell'intervento armato Usa in Siria (per inciso: in Italia, gli stessi che nel 2003 esaltavano l'intervento Usa in Irak, che così bei risultati ha prodotto) accampano tante belle ragioni umanitarie ma non dicono qual è lo scopo vero del piano di Barack Obama.

Chi si commuove per i siriani vittime dei gas (e che, presumibilmente, si comuove anche per i tanti civili uccisi dalle autobomba piazzate dai gruppi della rivolta legati ad Al Qaeda) dovrebbe sapere che Obama non ha nessuna intenzione di rovesciare definitivamente il regime di Assad. Se così fosse, questa follia avrebbe almeno una sua logica. No. Obama vuole solo dare una lezione ad Assad, vuole tagliargli le unghie per impedirgli di vincere, ma non vuole farlo perdere. L'intervento americano punta a ristabilire un certo equilibrio sul campo affinché i contendenti (le truppe fedeli ad Assad da un lato, il fronte della rivolta dall'altro) continuino a scannarsi.

Paradossalmente, infatti, la prosecuzione della guerra civile garantirebbe da un lato l'impotenza di Assad (e il parallelo indebolimento dei suoi due principali alleati, Hezbollah in Libano e gli ayatollah in Iran), dall'altro la sicurezza di Israele. E a proposito di Israele: la tattica americana è copiata pari pari da quella dello Stato ebraico, che per quattro volte nel 2013 ha bombardato obiettivi militari siriani ma sempre su scala circoscritta. Appunto: per indebolire Assad senza farlo cadere.

Considerato che le nazioni, e ancor più le potenze, hanno interessi e non ideali, la cosa si capisce. Ma per favore, non cercate di venderci la solita favola della democrazia, dei valori, dei poveri cittadini inermi da proteggere. Almeno questo ci sia risparmiato.

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

06 settembre 2013

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%