Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 

Oggi non è facile vivere con coerenza

La lettera di Maurizio G., che attribuisce all’onestà la sua condizione di disoccupato (FC n. 49/2011), mi ha convinta a scriverle e far risentire la mia voce in “famiglia”. Oggi, la coerenza al Vangelo non paga. Glielo dice una persona che ne ha viste di tutti i colori per mantenere integra la sua identità morale. Non mi considero una santa né una martire. Voglio solo vivere gli ideali che mi sono stati trasmessi in famiglia, ma anche a scuola e in parrocchia. Sono una persona come tante. Sono fuggita dalla Sicilia per non dover attendere le calende greche per essere immessa in ruolo a scuola. Sono andata via, mio malgrado, dal Sud. Ma ne è valsa la pena. Nonostante le difficoltà incontrate.
Se al Sud c’è una mentalità mafiosa, il Nord non è immune da forme di razzismo. Mi sono inserita nella cittadina in cui lavoro, ma non sempre mi è permesso di “far sentire la mia voce”. Mi è successo anche in parrocchia. Sono stata costretta a dimettermi da catechista perché stavo acquisendo troppo “potere”. A scuola, poi, devo stare attenta a ciò che dico. Non puoi neanche ammonire un ragazzo che bestemmia. Non è facile essere cristiani e vivere con coerenza. Molto più semplice è mostrarsi qualunquisti e opportunisti. Ma io non voglio compromessi con la mia coscienza.

Una ragazza del Sud

Vivere con coerenza il Vangelo non è stato mai facile. Oggi, ancor di più. La nostra società, sempre più laica e individualista, si è allontanata dai princìpi evangelici. Mira al successo, da ottenere a ogni costo. I valori cui punta sono bellezza, sesso e soldi da fare subito e tanti. Anche qui, non importa con quali mezzi e vie da percorrere. La dignità della persona è svalutata e calpestata. Non ci si pensa due volte, se serve a raggiungere lo scopo, a mettere in vendita tutto: dalla lealtà al corpo. Il Vangelo, invece, ci invita ad andare controcorrente. È scomodo, se vissuto e testimoniato nella sua interezza. Senza sconti o facili addomesticamenti. La verità, spesso, ha un prezzo da pagare. Ma se non fosse così, vorrebbe dire che i cristiani sono diventati scipiti. Non sono più segno di distinzione. E anche di contraddizione. Tanto meno sono sale del mondo. O lievito che fa fermentare la pasta. La coerenza etica è una grande virtù. Soprattutto perché ci fa evitare di scendere a facili compromessi con la nostra coscienza.


08 agosto 2012

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo