Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 aprile 2024
 

Papa Francesco e quei Cie come Lager

Gentile direttore, non riesco più a condividere molte parole del Papa. Recentemente l’ho sentito asserire che i Cie sono come i lager per gli ebrei e mi sono ribellata nell’intimo. Non sono ebrea, ma quell’esperienza terribile non ha confronti al mondo e non li avrà mai per la sua spietatezza. Primo Levi diceva che si moriva per un sì o per un no e che la sopravvivenza per un giorno ancora poteva essere legata al ritrovamento di una buccia di patata o a una rondella di carota. E i Cie sarebbero pari ai lager? I nazisti dicevano «Nessuno vi crederà» e così pare essere. Ai Cie sono ospitate persone che fuggono da guerre, tempeste, persecuzioni e trovano un luogo dove ricevono pasti caldi, vestiti, docce e assistenza sanitaria. Se io fossi su una barca in procinto di affondare, sarei ben lieta di trovare quello che danno i Cie e direi grazie sommessamente, grazie a uno Stato che senza alcun obbligo fa tanto per me.

ROSA GEMMA PIAZZARDI

Cara Rosa Gemma, in realtà, come spesso accade nei resoconti giornalistici, il Papa ha detto qualcos’altro. Non ha, ad esempio, paragonato i Cie ai lager nazisti. Ecco le sue parole: «I campi di rifugiati – tanti – sono di concentramento, per la folla di gente che è lasciata lì». Stava raccontando la storia di un profugo incontrato nell’isola di Lesbo. Sull’aereo di ritorno dall’Egitto Francesco ha poi spiegato: «Dovete leggere bene quello che ho detto. Ho detto che Italia e Grecia sono stati i Paesi più generosi... Esistono però i campi dei rifugiati che sono dei veri campi di concentramento... Cosa può fare la gente che è chiusa in un campo e non può uscire?». Quindi non c’è stato nessun paragone con i lager nazisti. Molte associazioni internazionali hanno poi segnalato la violazione dei diritti umani di molti campi di accoglienza, soprattutto in Libia. In passato ci sono state denunce anche per le condizioni dei Cie italiani. Vale la pena ricordare che la sigla significa “Centro di identificazione ed espulsione”. Non si tratta quindi di accoglienza, ma di una sorta di detenzione nei confronti di persone che non hanno compiuto alcun reato. Talvolta l’attesa dura diversi mesi, prima di arrivare magari all’espulsione. Mi domando se questa soluzione, peraltro costosa anche economicamente, sia davvero efficace o se non sia meglio la semplice accoglienza dei migranti.


18 maggio 2017

I vostri commenti
25

Stai visualizzando  dei 25 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo