Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
Libri, il buono e il cattivo Aggiornamenti rss Paolo Perazzolo
Responsabile del desk Cultura e spettacoli

Peppone, don Camillo, Andrea Vitali... e padre Brown

Vi do tre buoni motivi per leggere Il bacio dell'Assunta di Giovanni Cocco (Feltrinelli).

Primo: vi ritroverete, aggiornata, l'epopea di Peppone e don Cammillo, il sindaco e il prete che eternamente si fronteggiano, scontrano, litigano, ma in fondo si vogliono bene, di Guareschi.

Secondo: respirerete atmosfere che vi ricorderanno Andrea Vitali o, meglio ancora, Piero Chiara. Questo è cioè un "romanzo di provincia", quella che sta sulla sponda occidentale del Lago di Como, nel triangolo fra Bellagio, Menaggio e l'Isola Comacina. Ecco quindi i riti, le usanze, il dialetto, le consuetudini, i personaggi minori ma eroici, i vizi e le virtù di un luogo che condensa quel grande paesotto che è l'Italia.

Terzo: don Luigi, il parroco in questione, allorché viene rubata la statua dell'Assunta, è "costretto" a trasformarsi in detective, conscio del fatto che il diavolo si nasconde nel dettaglio. E rievocando, almeno a distanza, il nobile precedente di padre Brown di Chesterton.

Convinti?


14 maggio 2014

 
Pubblicità
Edicola San Paolo