logo san paolo
domenica 05 luglio 2020
 

Perché tanto odio verso gli immigrati?

Sono davvero scossa dopo aver visto quant’è successo in un paese del trevisano. La violenza e la cattiveria che si sono scatenate contro un gruppo di immigrati, colpevoli solo d’essere stati ospitati in alcuni appartamenti della zona, mi fanno ritornare col pensiero a quanto accadde nella Germania nazista con la caccia all’ebreo. Sono mamma adottiva di due ragazzi nati in Etiopia. Quando con mio marito iniziammo il percorso dell’adozione, circa vent’anni fa, mai avrei pensato di far crescere i miei figli in un Paese sempre più intollerante. Mi chiedo: come possiamo essere così insensibili verso chi è tanto disperato da rischiare la vita, fuggendo lontano dai propri affetti, in cerca di un destino migliore? Vivo nel Veneto, terra di grande emigrazione. Interi paesi del Sudamerica parlano ancora l’arcaico dialetto dei nostri avi emigrati.  Come possiamo ignorare tutto ciò? C’è bisogno di invertire la rotta, rifondando la nostra convivenza su principi evangelici di apertura e accoglienza, per non essere alla mercé di chi specula sugli immigrati per motivi politici.   

LILIANA



L’altro giorno, rileggendo gli scritti di don Tonino Bello, mi sono imbattuto in una frase quanto mai attuale, che è in sintonia con la tua preoccupazione, cara Liliana. «Io vengo dal profondissimo Sud», scriveva don Tonino, «e so cos’è la violenza dell’emigrazione, perché ho avuto i miei parenti sbattuti in tutte le parti d’Europa per trovare un po’ di pane. Noi stiamo ripetendo su altra gente, con una squallida nemesi storica, gli stessi delitti che altri hanno compiuto nei confronti dei nostri genitori. Ma questa è gente».


29 luglio 2015

I vostri commenti
92
scrivi

Stai visualizzando  dei 92 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%