logo san paolo
sabato 21 maggio 2022
 

Più sobrietà alla Messa dei defunti

Mi rivolgo a lei, per un problema che non so come risolvere da solo. Il parroco della mia parrocchia, arrivato da pochi anni, è benvoluto per il suo approccio cordiale con tutti. Ma questo suo fare, in certi casi, facilmente crea imbarazzi negli ascoltatori. Durante i funerali, buona parte dell’omelia è dedicata a raccontare la vita del defunto, con notizie che ricava dai racconti dei familiari, dato che lui non ne ha conoscenza diretta. È successo qualche tempo fa che, pur facendo qualche accenno alle debolezze e fragilità umane, abbia presentato un imprenditore defunto in maniera molto positiva, mentre almeno una decina di suoi ex dipendenti, presenti alla cerimonia, ricordavano di aver subìto per anni trattamenti ingiusti. E i suoi ex impiegati sapevano di tentativi di evasione fiscale. Non mi dilungo su altri aspetti, come il suo amore per la famiglia, mentre era risaputo che fosse un “dongiovanni”. Naturalmente, all’uscita di chiesa, si percepiva qualche commento sarcastico. Non ritiene che sia il caso, quando non si conosce bene il defunto, di stare un po’ più “sulle generali”?
A.M.

Di solito, dei morti non si può che dire bene. Ma c’è un limite a tutto, a cominciare dal rispetto della verità, per non santificare all’istante chi invece ha bisogno d’essere affidato alla misericordia del Signore. Come tutti, d’altronde, piccoli o grandi peccatori quali siamo. Le esequie non sono il momento delle lodi ma della preghiera, che ci conforta nel dolore e ci fa comprendere il mistero della morte alla luce della risurrezione del Cristo.


20 novembre 2014

I vostri commenti
20

Stai visualizzando  dei 20 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo